GIAPPONE. Le auto volanti non sono più fantascienza

255

Nonostante il mercato delle auto e del volo sia in crisi a causa della pandemia, quello delle auto volanti stai correndo in Asia e in altre parti del mondo. La cinese EHang Holdings a novembre è riuscita a pilotare un air taxi biposto a Seoul e in altre città sudcoreane, volando nel cielo sopra il centro della capitale per quasi 10 minuti. I droni autonomi di EHang sono già stati testati e impiegati per le consegne, la lotta antincendio e il turismo in Cina.

L’azienda cinese Xpeng Motors, sostenuta da Alibaba, ha presentato un prototipo di un’auto volante che sta sviluppando al Salone Internazionale dell’Automobile di Pechino a partire da settembre e intende organizzare un evento di prova nella seconda metà del 2021.

La startup australiana Amsl Aero ha lanciato a fine novembre un’ambulanza elettrica ad aria compressa, in grado di trasportare i pazienti di comunità anche remote direttamente in ospedale. La giapponese SkyDrive ha fondato la bJapan-based teTra Aviation, l’unica startup che ha vinto un premio a un concorso di mobilità aerea sponsorizzato da Boeing all’inizio di quest’anno.

L’azienda giapponese, riporta Nikkei, si propone di offrire entro il 2030 un servizio in base al quale un ospite può prenotare un giro in un’auto volante custodita in un parcheggio multipiano di un vicino centro commerciale. Il veicolo tornerà poi automaticamente al centro commerciale per servire gli altri ospiti.

La piccola azienda ha fatto notizia a febbraio quando il suo Mk-3E è stato scelto come vincitore del Pratt and Whitney Disruptor Award e ha ricevuto 100.000 dollari al GoFly Prize, un concorso che ha scelto il vincitore tra più di 850 team a febbraio in California.

TeTra, che ha sviluppato un veicolo alimentato da un motore elettrico permettendogli di decollare e atterrare in verticale senza bisogno di una pista, è stato l’unico partecipante a vincere un premio all’evento, che non ha ancora consegnato il suo premio di 1 milione di dollari.

Le auto volanti non sono più fantascientifiche, ma devono affrontare la crescente concorrenza di grandi aziende come Airbus e di startup come Uber Technologies. Morgan Stanley ha previsto nel 2018 che le dimensioni del mercato potrebbero raggiungere 1,5 trilioni di dollari entro il 2040, e la corsa si sta riscaldando anche in Asia. La società finanziaria statunitense prevede che la Cina deterrà il mercato più grande, del valore di 431 miliardi di dollari, rappresentando il 29% della società di contabilità e consulenza PwC, d’altra parte, ritiene che il Giappone creerà un mercato di 2,5 trilioni di yen, di cui l’80% proverrà dai trasporti e dai servizi operativi, mentre il 16% nascerà dai veicoli stessi. Si prevede che le auto volanti serviranno anche i paesi del Sudest asiatico, dove la congestione del traffico nelle aree centrali è un grave problema sociale.

Le leggi e le regole del traffico per le auto volanti dovranno essere sviluppate dalle autorità. Il ministero giapponese per il Territorio, le Infrastrutture, i Trasporti e il Turismo, ad esempio, prevede di creare entro il 2023 una nuova serie di regole per le auto volanti ai sensi della Legge sull’Aeronautica Civile.

Tuttavia, gli osservatori dell’industria ritengono che la commercializzazione su scala globale sia un grosso ostacolo, soprattutto per le aziende asiatiche, nonostante il loro successo nel pilotaggio di prototipi in tutto il mondo.

Maddalena Ingrao