GIAPPONE. L’alleanza Quad è centrale per la visione indopacifica di Biden

127

Quattro settimane dopo l’insediamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, i ministeri degli Esteri di Stati Uniti, Giappone, Australia e India hanno tenuto un “incontro” telefonico per il Quadrilateral Security Dialogue, o Quad, segnalando l’importanza strategica della struttura per la regione indopacifica.

Il Quad è stato rilanciato nel 2017 dopo una pausa decennale, con un occhio verso la gestione della crescente influenza della Cina nella regione. Il forum è destinato a promuovere la cooperazione economica e di sicurezza tra i paesi con valori condivisi tra cui la libertà, la democrazia e lo stato di diritto.

La recente conferenza telefonica di 90 minuti, che il ministro degli Esteri giapponese Toshimitsu Motegi ha descritto in un tweet come «una discussione estremamente approfondita», ha visto Motegi e il segretario di Stato americano Antony Blinken, il ministro degli Esteri australiano Marise Payne e il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar discutere di Myanmar, dei mari della Cina orientale e meridionale, della Corea del Nord, di COVID-19 e del cambiamento climatico.

Il fatto che questo incontro sia avvenuto così presto dopo l’insediamento di Biden è un segno del «forte impegno dell’amministrazione a realizzare un Indo-Pacifico libero e aperto e al Quad», ha detto Motegi ripreso da Nikkei. La riunione è stata convocata su richiesta di Washington, il primo incontro di questo tipo nel quadro del Quad da ottobre.

L’interesse per il più ampio Indo-Pacifico è in aumento, il ministero degli Esteri indiano ha detto in un comunicato stampa dopo la telefonata. «È stato notato che il concetto Indo-Pacifico ha raccolto un crescente sostegno internazionale, anche in Europa». La Germania, la Francia e i Paesi Bassi hanno ciascuno elaborato strategie indo-pacifiche. Motegi è stato invitato a parlare al Consiglio degli affari esteri dell’Unione europea sull’argomento a gennaio.

Il Dipartimento di Stato americano ha detto che le quattro parti hanno concordato di incontrarsi almeno una volta all’anno a livello ministeriale e “su base regolare” ad alto livello e di lavoro «per rafforzare la cooperazione nel promuovere una regione indopacifica libera e aperta, compreso il sostegno alla libertà di navigazione e all’integrità territoriale (…) I partecipanti hanno riaffermato il loro sostegno reciproco per la centralità dell’Asean nell’Indo-Pacifico», la lettura ha detto, segnalando un intento di espandere la cooperazione del Quad con l’Associazione delle Nazioni del Sud-Est asiatico.

In precedenza, Blinken aveva lumeggiato «il ruolo chiave della centralità dell’Asean nell’Indo-Pacifico» in una chiamata con il ministro degli Esteri indonesiano Retno Marsudi. Motegi ha detto che la Quad approfondirà la cooperazione con l’aswan, i paesi insulari del Pacifico e l’Europa.

I membri del Quad si sono opposti agli sforzi per alterare unilateralmente lo status quo nei mari della Cina orientale e meridionale, alludendo all’intensificazione dell’attività marittima cinese in queste aree, compresa la costruzione di isole.

Il Giappone, in particolare, ha sottolineato l’importanza di rispettare il diritto internazionale in mezzo all’allarme per le incursioni delle navi cinesi intorno alle isole Senkaku, amministrate dal Giappone, che Pechino rivendica e chiama Diaoyu. La recente legislazione concede ampi poteri alla Guardia Costiera cinese, elevandola allo status militare e autorizzandola a sparare sulle navi straniere in determinate circostanze.

Le quattro parti hanno anche concordato sulla necessità di ripristinare rapidamente la democrazia in Myanmar dopo il recente colpo di stato militare, così come di porre immediatamente fine alla violenza contro i civili e di rilasciare i politici detenuti tra cui Aung San Suu Kyi.

I membri del Quad hanno affermato che lavoreranno insieme per affrontare la pandemia del coronavirus e il cambiamento climatico.

Antonio Albanese