GIAPPONE, Honda taglia la produzione: mancano i chip a causa della Pandemia

56

La casa automobilistica nipponica Honda Motor ridurrà la produzione di veicoli a causa della crisi delle forniture di semiconduttori. La casa automobilistica giapponese ridurrà la produzione di circa 4.000 unità questo mese. Il cambiamento interesserà principalmente la sottocompatta Fit prodotta in uno stabilimento a Suzuka, una città della prefettura di Mie, in Giappone.

Come riporta Nikkei, ci sono segnali che i tagli potrebbero essere peggiori nel corso dell’anno: «Il periodo che inizia a febbraio potrebbe essere triste (…) La carenza potrebbe avere un impatto di decine di migliaia di veicoli nel periodo gennaio-marzo solo sul mercato interno».

Sembra che Honda sia a corto di semiconduttori utilizzati nei sistemi di controllo dei veicoli. Dato che la gente sta principalmente in casa e lavora da casa, è aumentata la domanda di chip utilizzati negli smartphone e nei computer. Mentre i produttori di chip si concentrano sul soddisfare tale domanda, le forniture di semiconduttori ai produttori di ricambi auto sono in stallo.

Inoltre, anche se non correlato, nell’ottobre dello scorso anno, la Asahi Kasei, ditta produttrice di semiconduttori, ha subito un incendio nel suo impianto di semiconduttori nella prefettura di Miyazaki in Giappone, assottigliando di più le disponibilità.

In Germania, poi, Volkswagen ha annunciato il mese scorso di voler ridurre la produzione in Cina, Nord America ed Europa a causa della carenza di chip. I fornitori di ricambi auto Continental e Bosch hanno riconosciuto che le consegne sono state ritardate a causa della stessa scarsità.

Honda non interromperà le operazioni di fabbrica questo mese, ma si prevede che l’azienda limiterà il numero giornaliero di veicoli prodotti. Un taglio di 4.000 auto rappresenta meno dello 0,1% dei 4,77 milioni di unità prodotte a livello globale nel 2019.

Poiché il processo di approvvigionamento del materiale e la sua trasformazione in semiconduttori richiede più di tre mesi, non è facile regolare rapidamente il volume di produzione in base alla domanda. La pandemia di coronavirus ha causato un calo della domanda di automobili nella prima metà del 2020. All’epoca, le case automobilistiche hanno temporaneamente tagliato gli ordini per i semiconduttori e i fornitori di chip hanno modificato i piani di produzione di conseguenza.

Il mercato dell’auto ha iniziato a rimettersi in piedi l’estate scorsa, soprattutto in Cina. Ma la capacità di produzione di semiconduttori non è stata in grado di tenere il passo.

Honda ha chiuso la produzione in alcune fabbriche globali per migliorare i guadagni dei veicoli a quattro ruote. L’anno scorso l’azienda ha cessato la produzione in Argentina e nelle Filippine. In India, Honda ha unito la capacità produttiva delle quattro ruote di due fabbriche in una sola. Quest’anno, lo stabilimento di assemblaggio Honda di Swindon, nel Regno Unito, è destinato a chiudere.

La ripresa del mercato dall’impatto del coronavirus ha tenuto occupate le fabbriche Honda. A novembre, la produzione globale è aumentata dell’11,4% rispetto all’anno precedente, passando a 457.671 veicoli. Solo in Giappone, la produzione è salita del 22,5% a 64.843 unità. Ma la ricaduta inaspettata della pandemia sta costringendo Honda a frenare la produzione.

Graziella Giangiulio