GIAPPONE. Difendere Taiwan impone cooperazione nelle SDF nipponiche

136

Le componenti terrestri, marittime e aeree delle Forze di autodifesa del Giappone tradizionalmente non si parlano. Raramente c’è uno scambio di personale tra di loro e quando si riuniscono per una riunione al ministero della Difesa nel quartiere Ichigaya di Tokyo, partecipano nelle loro rispettive uniformi e non cooperano.

Usano un linguaggio diverso. Salutano in modi diversi. Ma il vento sta cambiando; sta arrivando aria nuova nella struttura che conta 240.000 uomini, riporta Nikkei. Quando la Forza di Autodifesa Terrestre ha tenuto un’esercitazione a Kyushu da settembre a novembre, la nave da sbarco cisterna di classe Osumi della Forza di Autodifesa Marittima, JS Shimokita, vi ha partecipato.

Le navi prendono spesso parte alle esercitazioni di terra della Sdf, ma ciò che è diverso è che a bordo della nave c’erano soldati che indossavano tute mimetiche. I partecipanti erano membri dell’unità di supporto logistico delle forze di terra. Sono specializzati nella consegna di armi e cibo alla prima linea attraverso il trasporto terrestre. Ma recentemente stanno studiando il trasporto marittimo.

Questo perché il principale teatro di operazioni per la Sdf di terra si sta spostando verso le acque. Le attività militari della Cina intorno a Taiwan si svolgono principalmente nei mari della Cina orientale e meridionale. Una volta che scoppiasse una contingenza a Taiwan, la missione principale della Sdf di terra sarà la difesa delle isole Nansei, una catena che comprende le isole Senkaku, che il Giappone amministra ma la Cina rivendica e chiama Diaoyu.

Consegnare rapidamente i rifornimenti alle isole isolate sarà all’ordine del giorno. Il modello logistico tradizionale del Sdf di terra – basato sul presupposto che le forze sovietiche potrebbero invadere l’isola settentrionale di Hokkaido – fa poco per aiutare le nuove realtà.

Per affrontare le minacce di oggi, il ministero della Difesa ha deciso di dare alla Sdf terrestre navi da trasporto di medie e piccole dimensioni. La Sdf marittima addestrerà le forze di terra nelle loro strutture.

La divisione tra le forze di terra e quelle marittime risale ai giorni precedenti la Seconda guerra mondiale. Nell’era Meiji, l’esercito era dominato dal dominio Choshu della prefettura di Yamaguchi, mentre la marina era gestita dal dominio Satsuma della prefettura di Kagoshima.

Nell’era Showa, l’esercito imperiale giapponese vide i tedeschi come il partner naturale, considerando la minaccia sovietica. Questo percorso si scontrò con l’opposizione di elementi della Marina imperiale, che sottolineavano che una tale collaborazione avrebbe ostacolato le relazioni con il Regno Unito e gli Stati Uniti.

La divisione si rifletteva nell’approvvigionamento dell’equipaggiamento. L’esercito si assicurò le proprie navi e aveva persino i propri sottomarini autoprogettati durante la Seconda guerra mondiale. L’esercito e la marina non avrebbero operato insieme sotto un’unica strategia ombrello, ma piuttosto sarebbero andati per la loro strada.

Nel dopoguerra, la Sdf ha cercato di imparare da questi errori del passato. L’Accademia Nazionale della Difesa, forma insieme i candidati per i settori terrestre, marittimo e aereo, a differenza del sistema scolastico separato dell’era prebellica.

È chiaro che una contingenza di Taiwan richiederebbe un’operazione integrata dei rami della Sdf. La Sdf marittima e terrestre userà il cacciatorpediniere multiuso classe Izumo come una portaerei de facto, schierando sul suo ponte i più recenti jet da combattimento F-35B.

Nella difesa missilistica, poi, le componenti terrestre, marittima e aerea della Sdf stanno combinando i loro rispettivi sistemi informatici per aumentare la precisione di intercettazione.

Antonio Albanese