Casinò nipponici

49

GIAPPONE – Tokyo 03/08/2014. Chi visiterà il Giappone per le prossime Olimpiadi di Tokyo potrà cimentarsi in diverse discipline: quelle del gioco d’azzardo.

Il governo dovrebbe scegliere tre siti per nuovi casinò sugli oltre 20 comuni che hanno manifestato il loro interesse ad ospitarli. Questo nuovi casinò dovrebbero aprire prima delle Olimpiadi estive del 2020. Un gruppo trasversale di deputati, compresi i membri del Partito Liberal Democratico del primo Ministro Shinzo Abe, ha proposto una legge che consentirà il gioco dei casinò. Si spera di approvare il disegno di legge durante l’attuale sessione parlamentare, vista la riluttanza all’interno del Pld e di New Komeito stanti i rischi legati alle infiltrazioni criminali. Per rispondere a queste preoccupazioni, il governo ha istituito un gruppo di studio che dovrebbe seguirne meglio gli sviluppi una volta che il disegno di legge iniziale venga approvato. La città di Osaka, che ha proposto l’isola artificiale di Yumeshima, è considerata come un candidato leader. Poi ci sono la Prefettura di Okinawa e Yokohama, il cui porto può ospitare navi di lusso. Il governo prenderà in considerazione le diverse possibilità consentendo un maggior numero di casinò dopo la misurazione del loro impatto sociale. Nel frattempo, i preparativi per le Olimpiadi a Tokyo fervono. La costruzione dei casinò potrebbe esacerbare le già gravi carenze di materiali da costruzione e manodopera. Come modello Tokyo, il governo intende ispirarsi a Singapore, dove piccoli gruppi di case da gioco fanno parte di resort più grandi in cui ci sono alberghi, centri congressi e centri commerciali. Come a Singapore, l’entrata ai casinò sarebbe gratuita per gli stranieri; mentre i cittadini giapponesi dovrebbero probabilmente pagare alcune migliaia di yen (meno di 100 dollari) per entrare e subire poi altre restrizioni sul gioco d’azzardo. A Singapore, infatti, i residenti pagano 100 dollari di Singapore (80 dollari Usa); simili restrizioni hanno lo scopo di limitare la dipendenza del gioco d’azzardo nella popolazione locale. Costruire un quartetto di casinò a Tokyo, Osaka e Okinawa creerebbero un giro di 1,5 trilioni di yen (14,5 miliardi di dollari); il governo, inoltre, ha fissato un obiettivo di 20 milioni di visitatori stranieri ogni anno, il doppio rispetto 2013 , entro il 2020.