GIAPPONE. Calo vistoso dell’export nipponico verso la Cina

101

La crescita delle esportazioni giapponesi ha subito un brusco rallentamento a dicembre, con un calo delle spedizioni verso la Cina per la prima volta in sette mesi, alimentando i timori di un ulteriore rallentamento dell’economia globale e della domanda esterna per le spedizioni giapponesi.

Le esportazioni sono aumentate dell’11,5% su base annua a dicembre, dopo un aumento del 20% a novembre, segnando la crescita più lenta dall’inizio del 2022, trascinata da un calo delle vendite in Cina di automobili, ricambi auto e macchinari per la produzione di chip, secondo i dati del Ministero delle Finanze pubblicati giovedì. I dati deboli deludono le speranze dei politici di una ripresa guidata dalle esportazioni dopo la pandemia di coronavirus, e fanno aumentare la pressione sul governo per convincere le aziende giapponesi ad accelerare gli aumenti salariali per contribuire a stimolare la domanda interna, riporta Reuters.

Le esportazioni verso il principale partner commerciale, la Cina, sono diminuite del 6,2% su base annua in termini di valore e del 24% in termini di volume a dicembre.

Le esportazioni verso gli Stati Uniti a dicembre sono aumentate del 16,9% rispetto a un anno fa, trainate da automobili, attrezzature minerarie e parti di motori aeronautici. «L’inaspettata battuta d’arresto dell’economia cinese si aggiunge al rallentamento in Europa e in America. Nel peggiore dei casi, questo potrebbe causare un colpo alle esportazioni giapponesi, che a sua volta potrebbe colpire la produzione delle fabbriche e la spesa in conto capitale del Giappone», ha dichiarato Atsushi Takeda, capo economista dell’Istituto di Ricerca Itochu.

«Il Giappone non avrebbe altra scelta se non quella di rivolgersi alla domanda interna per recuperare il ritardo. In questo senso, le trattative salariali di primavera tra lavoratori e dirigenti sono la chiave per vedere se i consumi privati reggeranno per guidare una crescita economica virtuosa. L’attività economica è stata ostacolata in Cina da un’ondata di infezioni da COVID-19 dopo che il governo ha iniziato a smantellare i severi controlli “zero-COVID” a dicembre. Sebbene l’ultima ondata cinese dovrebbe attenuarsi entro la primavera, la seconda economia mondiale impiegherà del tempo per tornare ai livelli pre-pandemici e permane il rischio di ulteriori ondate di COVID», ha dichiarato Takeda. I dati sul commercio hanno anche evidenziato la sfida di un Paese povero di risorse che dipende in larga misura dalle importazioni di materie prime ed energia, che hanno ricevuto un impulso in termini di valore dal calo del 19,5% dello yen rispetto al dollaro nella media dello scorso anno.

Le importazioni sono cresciute del 20,6% in termini di valore, guidate dal petrolio, dal carbone e dal gas naturale liquefatto, spingendo un’inflazione che aumenterà il costo della vita e il prezzo delle attività commerciali, danneggiando potenzialmente la domanda nell’economia.

Gli aumenti delle esportazioni e delle importazioni sono stati ampiamente in linea con le previsioni degli economisti fatte alla Reuters. Di conseguenza, il deficit commerciale di dicembre si è attestato a 1,45 trilioni di yen, pari a 11,29 miliardi di dollari, estendendo la serie di deficit a 17 mesi.

Per l’intero 2022, il Giappone ha registrato un deficit commerciale di 19,97 trilioni di yen, il secondo deficit annuale consecutivo e il più grande dal 1979.

«I deficit commerciali rimarranno a livelli elevati anche se la crescita delle importazioni rallenterà con il calo dei prezzi del petrolio e la debolezza dello yen. Questo perché le esportazioni rimangono deboli a causa della scarsa domanda globale», ha dichiarato Taro Saito, ricercatore esecutivo dell’Istituto di ricerca Nli.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/