GIAPPONE. Biden, Kishida e Yoon parleranno di nucleare e missili nordcoreani

134

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden incontrerà il primo Ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol a margine del vertice del G7 che si terrà in Giappone alla fine del mese.

Oltre ai colloqui a tre, Biden ha in programma anche un incontro bilaterale con Kishida a margine del raduno di Hiroshima, che si terrà dal 19 al 21 maggio. Biden, Kishida e Yoon si sono incontrati l’ultima volta in Cambogia a novembre, riporta Nikkei.

I tre leader dovrebbero portare avanti i colloqui sullo sviluppo nucleare e missilistico della Corea del Nord, valutando la possibilità di compiere passi concreti verso la condivisione di informazioni in tempo reale sui programmi missilistici, al fine di scoraggiare gli attacchi. Dovrebbero inoltre discutere di quello che Washington considera un comportamento sempre più assertivo della Cina nella regione.

All’ordine del giorno ci sarà anche la cooperazione trilaterale sulla sicurezza economica. Gli Stati Uniti considerano i loro alleati e partner fondamentali per limitare il controllo della Cina sui settori dell’alta tecnologia e restano titubanti di fronte alle richieste sudcoreane di allentare le restrizioni sui semiconduttori nei confronti della Cina. Tali limitazioni impediscono a operatori sudcoreani come Samsung Electronics di effettuare ulteriori investimenti in Cina.

Gli Stati Uniti hanno inoltre esortato le aziende nazionali ed estere, tra cui quelle giapponesi e olandesi, a limitare le esportazioni di apparecchiature all’avanguardia per la produzione di chip in Cina.

I piani per i colloqui arrivano in un momento di disgelo delle tensioni bilaterali tra Giappone e Corea del Sud, dopo l’incontro di marzo tra Kishida e Yoon a Tokyo. Si è trattato del primo viaggio in Giappone di un leader sudcoreano al di fuori di incontri multilaterali in 12 anni.

Yoon ha anche effettuato una visita di Stato a Washington alla fine di aprile, dicendo ai legislatori statunitensi: «Dobbiamo accelerare la cooperazione trilaterale Corea-Stati Uniti-Giappone in materia di sicurezza per contrastare le crescenti minacce nucleari nordcoreane».

A seguito di un incontro avvenuto mercoledì, Biden e Yoon hanno rilasciato la Dichiarazione di Washington, sottolineando che l’impegno degli Stati Uniti ad estendere la deterrenza alla Corea del Sud è «sostenuto dall’intera gamma di capacità statunitensi, compresa quella nucleare».

«Un attacco nucleare da parte della Corea del Nord contro gli Stati Uniti, i suoi alleati o… i suoi partner è inaccettabile e comporterà la fine di qualsiasi regime, se dovesse intraprendere tale azione», ha dichiarato Biden ai giornalisti dopo il vertice.

Nel frattempo, Kishida ha in programma un viaggio di due giorni in Corea del Sud a partire da domenica, nella speranza di continuare il riscaldamento dei legami tra i due Paesi e di rafforzare la cooperazione trilaterale in materia di sicurezza con gli Stati Uniti. L’ultimo leader giapponese a visitare la Corea del Sud è stato Shinzo Abe nel 2018.

Oltre alla minaccia nordcoreana, Kishida e Yoon dovrebbero discutere delle catene di fornitura di semiconduttori e di altre questioni di sicurezza economica. Il Ministero giapponese dell’Economia, del Commercio e dell’Industria ha recentemente dichiarato che ripristinerà il trattamento preferenziale per le esportazioni della Corea del Sud per la prima volta in quattro anni.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/