GIAPPONE. Anche Tokyo si svuota per il coronavirus

195

Il Giappone entra in un fine settimana critico per prevenire un’espansione esplosiva di covid19, con negozi, ristoranti e parchi di divertimento chiusi e i residenti dei due maggiori centri abitati del paese invitati a rimanere a casa, riporta Nikkei Asian Review

Japan Forward riporta che l’area di Shibuya Scramble è quasi deserta; sono vuoti i siti preferiti per ammirare i ciliegi in fiore; i centri commerciali sono serrati. Anche se le immagini di strade vuote e spazi pubblici nelle metropoli sono comuni in tutto il mondo sin dalla diffusione della nuova malattia provocata dal coronavirus, covid19, la vita è stata in gran parte normale a Tokyo fino a poco tempo fa. 

Ma negli ultimi 4 giorni, la capitale giapponese ha visto un forte aumento dei casi di covid19 conclamati. Così sabato 28 marzo, Tokyo ha visto le strade svuotarsi, dopo che il governatore Yuriko Koike ha invitato i residenti a stare in casa durante il fine settimana, lavorare il più possibile da casa, evitare di uscire la sera ed evitare ogni inutile movimento all’interno e nei dintorni dell’area metropolitana. I governi prefettizi dei vicini Saitama e Kanagawa, Yokohama, hanno fatto altrettanto. 

Ed ecco quindi le strade deserte in zone come Shibuya e Ginza, quartieri popolari normalmente pieni di gente in qualsiasi giorno della settimana. I supermercati avevano pochi clienti, dopo aver visto un paio di giorni di acquisti fatti in preda al panico, e c’erano alcuni scaffali ancora vuoti per i prodotti di base, come spaghetti e carta igienica.

Anche le grandi imprese hanno collaborato con l’appello del governatore di Tokyo. Il popolarissimo grande magazzino Shibuya 109 ha ordinato la chiusura d’emergenza durante il fine settimana, così come le grandi catene di grandi magazzini come Takashimaya e il gruppo di cinema Toho. La catena di grandi magazzini tecnici Bic Camera non ha chiuso del tutto per il fine settimana, ma sta operando con orari di lavoro ridotti e ha chiuso prima la sera.

Nelle settimane precedenti, il Giappone aveva adottato misure per rallentare la diffusione del virus, tra cui la chiusura delle scuole dal 2 marzo fino alle vacanze di primavera. Il primo Ministro aveva invitato le imprese e i privati ad evitare incontri e grandi eventi. Secondo un sondaggio del Mainichi Shimbun, fino al 12% delle imprese ha adottato misure di “lavoro intelligente” per scoraggiare la diffusione del virus.

I luoghi di ritrovo preferiti per la visione dei ciliegi in fiore, come Naka Meguro, che in questo periodo dell’anno è normalmente inondato di persone, hanno scoraggiato i visitatori e hanno effettuato un controllo forzato delle persone. 

Maddalena Ingrao