Ritirato il disegno di legge “Spy” in Ghana

72

GHANA – Accra 03/07/2016. Il governo del Ghana ha ritirato il 30 giugno al Parlamento il disegno di legge “Spy” sulle comunicazioni e mailing.

Il disegno di legge ritirato cercava di dare il permesso e più poteri alle agenzie di sicurezza di monitorare le conversazioni private dei cittadini per la lotta contro la criminalità e il terrorismo nel paese. Fin dalla sua presentazione in Parlamento, il disegno di legge non ha mai avuto l’unanimità dei consensi tra i parlamentari e l’opposizione lo ha combattuto con ogni mezzo. Il disegno di legge “Spy” era stata depositato in Parlamento il 03 febbraio e il suo ritiro è stato formalizzato dal presidente del parlamento del Ghana, Doe Adjaho. Nell’annunciare il ritiro del controverso disegno di legge, il vice ministro ghanese degli Interni, James Agalga, ha detto al Parlamento che il governo aveva deciso di ritirare il disegno di legge iniziale per reintrodurre un nuovo testo, stante al delicatezza dell’argomento e le esigenze di sicurezza del paese.

Nel giustificare il ritiro del disegno di legge “Spy”, Agalga ha spiegato che dopo un attento esame delle preoccupazioni sollevate dai ghanesi, il disegno di legge nel suo stato attuale non raggiungeva l’obiettivo che gli era assegnato, cioè intercettare le chiamate per combattere il crimine.