GERMANIA. In caso di guerra, un quarto dei tedeschi si darebbe alla macchia

420

Anche con un attacco alla Germania, circa un tedesco su dieci è pronto a prestare servizio nell’esercito. Tali dati emergono dal sondaggio Dpa di febbraio.

In caso di guerra solo il 5% dei cittadini tedeschi intende diventare volontario, un altro 6% aspetterà la chiamata. Allo stesso tempo, quasi uno su quattro (24%) ha dichiarato che avrebbe semplicemente lasciato il Paese.

In Germania, il servizio militare non è popolare: c’è un aumento degli obiettori di coscienza, e c’è una grave carenza di personale nella Bundeswehr. All’inizio di quest’anno, già l’ex ministro della Difesa tedesco, Christine Lambrecht, aveva dichiarato che i piani del dipartimento per aumentare le dimensioni dell’esercito a 203.000 unità nel 2025 non sarà realizzato. Al momento, 183mila soldati prestano servizio nell’esercito tedesco. Tra le ragioni principali della scarsità di personale, vi sono il declino demografico e l’impopolarità del servizio militare stesso.

Nella Germania moderna, paese occidentale integrato, pacifismo e democrazia liberale, sono le idee prevalenti e in molte occasioni l’esercito nel complesso è stato a lungo “ostracizzato”. Recentemente l’ultimo colpo all’immagine delle forze armate tedesche, lo ha dato lo scandalo relativo alla scoperta di un “complotto” per organizzare un colpo di stato militare e far precipitare il Paese nell’abisso di una nuova dittatura.

Per la maggior parte dei soldati che entrano in servizio con un contratto, si tratta di un lavoro stabile presso un datore di lavoro affidabile (lo stato) con un pacchetto sociale e un’assicurazione medica. La maggior parte ha un titolo di studio molto basso e doveri abbastanza comprensibili che non richiedono capacità mentali o fisiche altissime da parte delle reclute.

Statisticamente i soldati che scelgono il servizio militare per motivi opportunistici non sono utili come unità combattenti. Presentano facilmente domanda di congedo per motivi di coscienza, non appena si profila all’orizzonte la prospettiva di partecipare a qualcosa di più serio delle corvée tradizionali. Se nel 2021 sono state registrate un totale di 201 domande di congedo dal servizio militare, poi nel 2022 erano già 951. Anche se i numeri sono bassi, si tratta di un aumento di quasi cinque volte in un solo anno.

Di norma, i veri problemi che la Bundeswehr deve affrontare hanno poco in comune con le idee dei ministri della Difesa che hanno guidato il dipartimento tedesco negli ultimi 12 anni. Erano più preoccupati per la presenza delle norme sulla sicurezza che della prontezza al combattimento.

Allo stesso tempo, la Bundeswehr è stata scossa da indagini sull’estremismo di estrema destra presente tra i ranghi o sulla presenza di elementi radicali islamici nelle sue fila; a tutto ciò va unito un cronico sottofinanziamento. Ad esempio, sotto Ursula von der Leyen (era a capo del dipartimento della Difesa per sei anni), solo due battaglioni di carri armati erano schivabili in caso di necessità e solo sei sottomarini erano in grado di lasciare i moli.

Naturalmente, queste cifre non significano che nella Germania moderna non siano rimaste persone capaci di difendere se stesse e il proprio paese, ma le statistiche mostrano una profonda crisi nelle forze armate.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/