GERMANIA. Fuori legge Ansaar International per finanziamento del terrorismo

39

La Germania ha messo al bando il 5 maggio Ansaar International, associazione islamica accusata di spacciarsi per un’organizzazione umanitaria per raccogliere poi fondi per i gruppi terroristici. Le proprietà di Ansaar International sono state perquisite in 10 lander, mentre il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer si è mosso per chiudere il gruppo: «Se si vuole combattere il terrorismo, bisogna prosciugare le sue fonti di finanziamento», ha detto il Ministro tedesco. La sede principale di Ansaar è a Duesseldorf, e l’associazione dice che il suo scopo è quello di sostenere progetti per i musulmani in tutto il mondo.

Sostiene di fornire aiuti umanitari alle persone colpite dalla guerra e dalle crisi, per esempio, costruendo o finanziando la costruzione di ospedali, orfanotrofi e scuole, riporta Dw. Ma il ministero dell’Interno tedesco ha detto che i fondi di Ansaar sono stati raccolti con l’intenzione di finanziare gruppi come Hamas, Al Shabab e e altri, legati ad al Qaeda. Ansaar e i suoi affiliati «diffondono una visione del mondo salafita e finanziano il terrore in tutto il mondo sotto la maschera dell’aiuto umanitario (…) Il sostegno finanziario, anche per quelle che a prima vista sembrano attività caritatevoli, assicura il potere e il dominio dei gruppi terroristici nella rispettiva regione, facilita il reclutamento di attivisti e fa risparmiare al gruppo terroristico denaro, che a sua volta può essere usato per compiere i crimini che pianifica», ha detto il ministero.

Gli investigatori hanno sequestrato oggetti durante le loro incursioni e istituito un cordone fuori da un edificio dell’Ansaar a Duesseldorf. Altri raid che hanno coinvolto più di 1.000 agenti di sicurezza hanno avuto luogo a Berlino, Amburgo e in altri sette stati. Gli agenti hanno sequestrato circa 150.000 euro in contanti, ha detto il ministero. Ansaar ha detto che ha circa 800 membri in Germania e ha raccolto fino a 10 milioni di euro solo nel 2018.

Il ministero dell’Interno ha annunciato che anche le sotto-organizzazioni legate ad Ansaar sono state vietate. «Qualcuno che pretende di raccogliere denaro per una buona causa ma poi finanzia i terroristi non può nascondersi dietro il diritto di associazione (…) Le nostre autorità di sicurezza sono molto attente e vedono tutto», ha detto Seehofer.

La polizia aveva già fatto irruzione in uffici appartenenti ad Ansaar nel 2019 con il sospetto di finanziare Hamas, che è sulla lista nera del terrorismo dell’Unione europea. I raid del 2019 coinvolsero anche un’organizzazione chiamata WorldWide Resistance-Help.

Antonio Albanese