GERMANIA. Berlino avrà un ruolo militare globale

155

Il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht ha dichiarato il 12 settembre di ritenere che la Germania sia obbligata a svolgere un ruolo di primo piano a livello globale, anche in ambito militare, e che il Paese non debba avere paura di questa responsabilità.

«Le dimensioni della Germania, la sua posizione geografica, la sua potenza economica – in breve, il suo peso – ci rendono una potenza leader, che lo si voglia o meno. Anche dal punto di vista militare», ha dichiarato in un discorso sulla sicurezza tenuto a Berlino, riporta DW.

Le sue osservazioni arrivano mentre l’Europa sta lottando per venire a patti con le conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina e la Germania sta ripensando la sua strategia di difesa dopo decenni di grande dipendenza da Washington per la sua sicurezza.

«La guerra in Ucraina ha dimostrato a tutti, anche a noi tedeschi che siamo abituati alla pace, che gli Stati hanno bisogno di forze armate come ultima risorsa, cioè quando un nemico è determinato a usare l’invasione, la distruzione, l’omicidio e lo sfollamento forzato» come mezzo per servire i propri interessi.

Per adempiere al suo ruolo militare, la Germania deve investire il 2% del suo prodotto nazionale lordo nella difesa, come richiesto dalla Nato, ha detto Lambrecht. Ha poi detto che la Germania deve raggiungere l’obiettivo di spesa della Nato anche dopo l’esaurimento di un fondo speciale di 100 miliardi di euro per le forze armate, concordato quest’anno.

«Il 2% del PIL per la nostra sicurezza… abbiamo bisogno di questo denaro senza se e senza ma, e ne abbiamo bisogno per il lungo periodo, in modo che lo sforzo che stiamo facendo con i 100 miliardi non sia vano», ha detto il Ministro.

«Dobbiamo evitare che tra qualche anno non ci si possa permettere la manutenzione delle attrezzature che stiamo acquistando ora (…) La Germania può farlo (…) La Germania non deve avere paura di questo nuovo ruolo», ha poi aggiunto.

Lambrecht ha confermato che la sicurezza dell’Europa è ancora garantita dal suo alleato più importante, gli Stati Uniti: «Ma questo alleato è stato costretto a spostare la sua attenzione principale sulla sicurezza nella regione del Pacifico», ha detto. Ciò significa che l’Europa, e soprattutto la Germania, devono svolgere un ruolo più importante. «La Germania è pronta a togliere il peso all’America in Europa e a contribuire in modo decisivo a una ripartizione equa del carico», ha affermato Lambrecht.

Parlando del conflitto in Ucraina, Lambrecht ha nuovamente respinto le richieste di inviare carri armati principali per aiutare le truppe di Kiev: «Nessun Paese ha finora consegnato veicoli da combattimento di fanteria o carri armati principali di fabbricazione occidentale (…) Abbiamo concordato con i nostri partner che la Germania non intraprenderà azioni di questo tipo unilateralmente».

Diversi parlamentari all’interno della coalizione di governo hanno chiesto a Berlino di inviare più armi pesanti all’Ucraina in seguito ai successi riportati nella controffensiva in corso contro l’invasione delle forze russe.

Lucia Giannini