Georgia, sistema bancario con poche risorse liquide

72

GEORGIA – Tblisi. 20/06/13. La Banca nazionale della Georgia ha ridotto il tasso di rifinanziamento di 25 punti base al quattro per cento.

La Banca nazionale della Georgia ha riferito a Trend che la decisione è stata presa dopo aver verificato le stime al ribasso del tasso d’inflazione al 0,7 per cento in maggio. La deflazione annua è stata dello 0,1 per cento. Questo grazie a una diminuzione della tariffa elettrica (10 per cento) e il calo stagionale dei prezzi di verdure e frutta.

Secondo la Banca nazionale, le recenti misure liberali tra cui la riduzione dei tassi di interesse e l’ampliamento della base dei contratti di locazione, hanno portato ad un aumento dell’attività bancaria e tassi di interesse ridotti sui prestiti.

«Allo stato attuale, non vi è una grande quantità di risorse liquide e dei capitali nel sistema bancario georgiano», ha detto la banca nazionale. «Nel caso di un aumento della domanda di prestiti, questo aumenterà notevolmente l’attività di prestito nel paese». Secondo il rapporto, il livello di inflazione basso rispetto alle previsioni consente alla Banca nazionale di continuare la sua politica di indebolimento e di ridurre il tasso di interesse sul costo del danaro.

La prossima riunione del comitato di politica monetaria della Banca nazionale si terrà il 14 agosto.