Armi detenute illegalmente, 54 arresti in Georgia

60

Georgia-Tbilisi. 26/05/16. In alcuni Paesi del Caucaso le armi sono più apprezzate che in altri. E nonostante gli Stati del Caucaso abbiano emanato leggi ad hoc per vietarne la detenzione, i cittadini amano il fai da te.

Tra questi Paesi, dove i cittadini amano il fai da te, vi è la Georgia un paese che ha circa 4.5milioni di abitanti. Ad oggi in Georgia sono state arrestate e condannate 54 persone per detenzione illegale di armi da fuoco. Nel complesso i funzionari della Georgia del ministero dell’Interno hanno sequestrato 53 pistole, 15 fucili, cinque pistole, 11 fucili, un fucile da caccia, cinque bombe a mano, un detonatore, 250 kg di polvere senza fumo, 200 grammi di TNT e 2.355 migliaia di munizioni. L’ultimo a finire in carcere è un residente di Senaki che in casa aveva un deposito personale di munizioni e fucili AK-74 con relative 545 munizioni, cinque clip, quattro turni, granata da un lato e 11 detonatori. Oltre che al deposito in condominio il cittadino georgiano aveva altri depositi per munizioni in locali appositamente costruiti nel cortile. Ora è stato aperto un procedimento penale ai sensi della parte 2 dell’articolo 236 del codice penale della Georgia (possesso illegale di armi da fuoco, munizioni, esplosivi o dispositivi esplosivi), che è punibile con una multa o la reclusione per un periodo di tre-cinque anni. Fonte: newsgeorgia.ge.