Gazprom riduce il prezzo del gas ai polacchi

38

POLONIA – Varsavia. La Russa Gazprom ha accettato di ridurre il prezzo del gas naturale erogatoalla impresa polacca PGNiG gas dal 10 al 20 per cento. A darne notizia il Ministro per il Tesoro, polacco Mikolaj Budzanowski.

A fargli eco le parole di Grażyna Piotrowska-Oliwa, presidente del consiglio di amministrazione PGNiG, secondo cui in realtà il taglio del costo del gas ammonta a poco più del 10 per cento.

La PGNiG di proprietà statale, era ricorsa alla Corte arbitrale di Stoccolmasostenendo che il prezzo pagato dalla società polacca era più elevato rispetto ai concorrenti europei garantire una riduzione tra il 10 e il 20 per cento.

I dettagli dell’accordo tra le due società non sono ancora stati resi pubblici, Gazprom ha solo dichiarato che la formula del prezzo negoziato riflette attuali prezzi di mercato di gas e petrolio.

Fino ad ora, secondo la UE Commissario per l’energia Guenther Oettinger, la Polonia ha pagato 550 di dollari per 1.000 metri cubi di gas, mentre la Germania ha pagato solo 452 dollari.

La Polonia circa 10 miliardi di metri cubi sui 14 miliardi di metri cubi di gas naturale consumato, che utilizza ogni anno, pagando 15 miliardi di zloty per le consegne. La maggior parte delle importazioni proviene tramite Gazprom. Con il nuovo prezzo Polonia dovrebbe risparmiare oltre 3 miliardi di zlotyi all’anno, a seconda del tasso di cambio. Il contratto sulle forniture di gas russo alla Polonia è valido fino al 2022 

Gazprom, che fornisce circa un quarto del suo gas naturale in Europa, ha accettato di applicare sconti sui prezzi a quasi tutti i suoi clienti europei. Perché intende mantenere la propria quota di mercato in un momento in cui le consegne di carbone dagli Stati Uniti stanno diventando sempre più economiche e l’accesso ai gas naturale liquefatto è in espansione.