C’è Isis anche a Gaza?

50

STRISCIA DI GAZA – Gaza 01/03/2014. A quanto pare la sconfessione di Isis e di Abu Bakr al Baghdadi fatta da Ayman al – Zawahri il 22 gennaio non ha avuto un grande impatto sulle organizzazioni jihadiste salafite nella Striscia di Gaza.

Secondo al Monitor, il Consiglio della Shura dei Mujaheddin di Gerusalemme, il 2 febbraio aveva dichiarato che si «impegnava a ad aiutare i fratelli di Isis» ; inoltre le lotte intestine tra i ribelli siriani erano dovute a «una visione errato di Isis e del suo emiro, il Principe dei Credenti Abu Bakr al – Baghdadi». Dopo poco tempo, un video apparso sui siti di social network e ripreso dalle agenzie di stampa locali mostrava i jihadisti salafiti affiliati ad al – Qaeda, riuniti proprio nella Striscia di Gaza l’11 febbraio, per offrire supporto e giurare fedeltà a Isis.

Il video si apre con una frase scritta che recita: «Gerusalemme omaggia lo Stato Islamico d’Iraq e al- Sham» per poi passare alla lettura di alcuni versetti coranici che invitano i musulmani ad aiutarsi a vicenda. Inoltre dichiarano di essere pronti a combattere: «Ai vostri eserciti in Siria e in Iraq si unisce questo di Gerusalemme che deve difenderla contro gli ebrei». Secondo al Monitor «il video è reale ed è stato girato nella Striscia di Gaza e avevo lo scopo di annunciare che l’organizzazione si era diffusa oltre l’Iraq e la Siria fino in Palestina». I salafiti di Gaza poi esprimono preoccupazione per le lotte intestine all’interno del movimento , paragonando la lotta tra Isis, Jabhat al Nusra e Ahrar ash Sham a quella tra i compagni di Maometto. Per i rappresentanti di Isis l’ostacolo più grande è costituito dal controllo di Hamas sul territorio contro 

cui non intendono combattere. Hamas nega addirittura l’esistenza di un simile movimento: in un incontro con i corrispondenti della stampa estera svoltosi il 24 febbraio, il Vice primo ministro Ziad al- Zaza ha negato l’esistenza di Isis nella Striscia di Gaza: «ISIS non esisterà mai. Si trova solo in Iraq e nel Levante, non ci sono indicazioni che il videoclip sia stato girato a Gaza. Il portavoce di Hamas Sami Abu Zuhri si è detto d’accordo: «Non esiste Isis a Gaza e non ci sono indicazioni che questa organizzazione abbia messo radici qui da noi» riporta Al- Monitor. Secondo gli esperti, si può parlare di singoli aderenti a Isis nella Striscia di Gaza, ma non di un quadro organizzativo, reclutati soprattutto attraverso Internet e video clip, dato l’alto livello di disoccupazione e di insoddisfazione socioeconomica.