Gas turkmeno per l’Ue

50

TURKMENISTAN – Ashgabat 01/02/2014. L’esportazione di risorse energetiche in una direzione europea è una delle priorità della strategia internazionale del Turkmenistan, secondo un articolo di analisi da parte dell’agenzia di stato turkmena, Turkmen Dovlet Khabarlary.

Si è tenuta recentemente una riunione tra il governo turkmeno con i rappresentanti dell’Ue guidati dal capo della direzione generale dell’energia, Hans Reno, presso l’Agenzia di Stato per la gestione e utilizzo degli idrocarburi.

«Per quanto riguarda il sistema nazionale di gasdotti, è stato costruito un gasdotto di 800 km da est a ovest per garantirne l’efficienza nel fornire grandi volumi di gas ed è stato creato un sistema ad anello delle arterie di trasporto del gas nel paese», secondo il rapporto.

L’operatività del gasdotto collegherà i giacimenti di gas più grandi nella parte orientale del paese con i principali gasdotti in occidente.

Turkmenistan e Unione europea stanno tenendo una serie di colloqui per la realizzazione della Trans-Caspian Gas Pipeline dal Turkmenistan all’Azerbaigian.

Il Corridoio meridionale, che comprende il progetto Trans- Caspian resta una priorità per Bruxelles. La costruzione del gasdotto lungo 300 chilometri lungo il fondo del Mar Caspio fino alla costa dell’Azerbaigian è ottimale per la consegna delle risorse gasifere turkmene nei mercati europei. La Trans-Caspian potrebbe diventare parte di alcuni importanti progetti, tra cui Agri e Tanap, a cui sia Ankara che Baku partecipano attivamente.

Il Turkmenistan è il quarto produttore al mondo per le sue riserve di gas naturale e attualmente esporta gas verso i mercati cinesi, la Comunità degli Stati Indipendenti e l’Iran.

Si sta valutando la costruzione di gasdotti dal Turkmenistan ai mercati dell’Asia meridionale e in Europa.