GAS. L’UE si prepara al gelo

66

A partire dal 28 luglio le autorità della capitale dello stato tedesco della Bassa Sassonia, nell’ambito di un piano per risparmiare gas, stanno iniziando a chiudere l’acqua calda nelle docce di palestre e piscine, ha affermato il sindaco di Hannover, Belit Oney.

La città che ha vietato l’acqua calda negli edifici pubblici e ha introdotto misure per ridurre il riscaldamento durante la crisi del gas. È la prima città in Germania a passare alle docce fredde negli edifici pubblici, rendendo l’acqua calda non disponibile per il lavaggio delle mani e altri scopi negli uffici governativi, nelle palestre e nelle piscine. È stato riferito che Hannover ridurrà anche il riscaldamento negli edifici pubblici, spegnerà l’illuminazione delle facciate e le fontane. “Il nostro obiettivo è ridurre il consumo di energia del 15%”, ha affermato il sindaco Belit Onai. In precedenza, l’UE ha concordato misure per risparmiare gas. Ma non tutti i paesi hanno concordato un taglio del 15%.

Ma i tedeschi non sono i soli a essere preoccupati del caro carburante: il primo ministro spagnolo Sanchez ha suggerito a tutti di spogliarsi per risparmiare energia: “Voglio che tu veda che non indosso la cravatta. Ciò significa che tutti possiamo risparmiare energia. Quindi ho chiesto a tutti i ministri e decisori di seguire l’esempio. E vorrei anche chiedere al settore privato se non l’hanno ancora fatto, quando non è necessario, che anche loro non dovrebbero indossare la cravatta, perché in questo modo contribuiremo tutti al risparmio energetico di cui il nostro Paese ha tanto bisogno”.

Il gestore della rete elettrica svedese Svenska kraftnät avverte di possibili interruzioni di corrente al mattino del prossimo inverno, così come ha suggerito la Finlandia.

A causa dell’aumento dei prezzi del gas, molte persone nei Paesi Bassi stanno già facendo scorta di legna da ardere per riscaldare le loro case questo inverno, a dirlo i media locali, Volkskrant. Tuttavia, anche la legna da ardere scarseggia e sta diventando sempre più costosa.

Nel frattempo si apprende che il primo agosto le esportazioni di gas in Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia nell’ambito di un contratto bilaterale a lungo termine tra Gazprom e CNPC sono aumentate del 60,9% in sette mesi, a dirlo Gazprom. Non solo: Gazprom ha annunciato il 30 luglio che ha interrotto le forniture di gas alla Lettonia nell’ambito dell’applicazione di luglio a causa della violazione delle condizioni di ritiro del gas.

La dipendenza del gas, nonostante le misure di contenimento e di ricerca di alternative non sta dando frutti, anzi sta diventando un grande onere. La polizia tedesca in questi giorni sta tenendo corsi speciali per operare durante le manifestazioni. Attese in gran numero.

La Germania, secondo quanto ha affermato il primo ministro della Sassonia Michael Kretschmer non potrà rifiutare le forniture di gas dalla Russia nei prossimi cinque anni. Secondo il primo ministro della Sassonia, l’idea di rinunciare ai legami economici con la Russia è “assurda e pericolosa”.

Peskov sulle accuse di irragionevole riduzione degli approvvigionamenti tramite Nord Stream ha semplicemente detto che le difficoltà sono state introdotte dalle sanzioni, c’è poco da fare per Gazprom in merito. Nonostante le sanzioni e la pressione della politica estera, la Russia continua a esportare risorse energetiche a una media di 977 milioni di dollari al giorno.

Il viceministro dell’ambiente dello stato federale del Baden-Württemberg Andre Baumann ha chiesto un riciclaggio più attivo dei rifiuti domestici al fine di ridurre la dipendenza dalle forniture di gas dalla Russia, riporta il quotidiano Bild. ”I tesori sono sepolti nei rifiuti domestici, questo è il nostro oro. Il gas naturale è prodotto dalle bucce di banana, quindi potremmo aver bisogno di meno gas dalla Russia”, ha detto Baumann. La Germania deve risolvere la carenza di gas entro i prossimi tre mesi per evitare una catastrofe senza precedenti questo inverno.

Tommaso Dal Passo