KyrgyzGas diventa Gazprom

37

KIRGHIZISTAN – Bishkek. 10/04/14. Secondo la testata Tazabek i rappresentanti del Kirghizistan e Russia hanno firmato un accordo sul trasferimento di LLC “KyrgyzgazProm” (che detiene il 100% “KyrgyzGas”) alla russa JSC “Gazprom”.

Sul versante russo, l’accordo è stato firmato dal Presidente del Consiglio di JSC “Gazprom” Alexey Miller, mentre il Kirghizistan ha firmato il direttore generale di “KyrgyzGas”, Turgunbek Kulmurzayev. A febbraio è entrato in vigore l’accordo tra il governo della Federazione russa e il governo della Repubblica del Kirghizistan in materia di cooperazione nel settore dei trasporti, distribuzione e vendita di gas naturale sul territorio della Repubblica del Kirghizistan, fonte RBC russa.
In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin, sempre a febbraio 2014 ha firmato una legge federale sulla ratifica di questo accordo.
Con questo accordo il Kirghizistan sarà la chiave di accesso per il trasporto del gas in Asia. In cambio la Russia ha promesso di ammodernare le infrastrutture del gas “KyrgyzGas” con un investimento di 20 miliardi di rubli in 5 anni. Dal momento che il trasferimento della proprietà è passata al 100% della società kirghisa a “Gazprom” tutti i suoi obblighi di debito per un importo non inferiore a 40 milioni dollari andrà anche alla parte russa.
L’accordo sarà valido per 25 anni, dopo di che, se lo si desidera, il Kirghizistan sarà in grado di riscattare la società kirghiza dal patrimonio della società russa. Il Kirghizistan si è assicurato il rifornimento di gas naturale per la repubblica ma ha ceduto l’esclusività del rifornimento e importazione sul suo territorio a Gazprom.