GAS. Europa al freddo, gli Stati Uniti contano i soldi. La Russia pone divieti

326

L’Economist ha dedicato la sua copertina alla crisi del gas: Frozen: Come il mondo ha abbandonato l’Europa. Sostanzialmente nelle pagine del magazine si legge che l’Europa sta pagando un prezzo enorme per aver sostenuto l’Ucraina, affrontando una crisi energetica e geopolitica in corso. Gli esperti hanno calcolato che potrebbero morire più europei a causa di questo inverno che ucraini a causa di un’azione militare. Anche l’alleanza con gli Stati Uniti non si è dimostrata affatto duratura.

Nel discostarci dall’analisi del settimanale britannico, l’Europa pagherà il prezzo delle sue scelte mentre gli Stati Uniti sorridono al suono dei soldi fatti e che fanno almeno nel settore petrolchimico, Gnl e delle armi.

Nel frattempo i negoziati per la fissazione di un tetto ai prezzi del petrolio russo nell’UE sono in fase di stallo. Sono state approvate solo cinque delle disposizioni meno controverse. In questo contesto, le autorità dell’UE hanno iniziato ad accusare senza mezzi termini gli Stati Uniti di trarre superprofitti dagli alti prezzi del gas. Qualcuno se ne è accorto tardi, ma se ne è accorto: la Francia.

Entro la fine del 2022, si presume che il volume di fornitura di gas naturale in Europa sarà di:

– Norvegia -122 bcm/anno,

– Stati Uniti – 115 bcm/anno,

– Russia a 90-100 bcm/a, con una riduzione di circa 50 bcm/a.

Le richieste di transito di gas russo attraverso il GTS ucraino sono diminuite.

In risposta ai possibili provvedimenti europei, come il tetto del costo del gas, le autorità russe stanno preparando un decreto presidenziale che vieta alle compagnie russe e a tutti i commercianti che acquistano petrolio russo di venderlo alle compagnie e ai Paesi che hanno aderito al meccanismo del price cap, scrive Bloomberg. Il decreto proibirebbe qualsiasi menzione di un prezzo massimo nei contratti per il petrolio o i prodotti petroliferi russi, così come il carico destinato a qualsiasi Paese che accetti i massimali. Tuttavia, la pubblicazione non fornisce una definizione precisa di come verrà determinata la partecipazione al meccanismo di price cap.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/