Gas azero per l’Europa

61

AZERBAIJAN – Baku. 28/06/13. La Trans Adriatic Pipeline insieme con il nuovo gasdotto TANAP (Trans gasdotto anatolica), in fase di costruzione in Turchia, collegherà direttamente il Mar Caspio verso l’Europa, a confermare la notizia la Commissione europea.

 

Secondo il rapporto pubblicato dalla delegazione dell’Unione europea in Azerbaigian, la Commissione europea ha accolto con favore la selezione finale di oggi del gasdotto di fornire gas azero all’Europa.

Il consorzio di azero Shah Deniz ha annunciato ufficialmente la selezione della Trans Adriatic Pipeline (TAP), come il percorso per trasportare il gas verso l’Europa.

Secondo il presidente della Commissione europea José Manuel Barroso, si tratta di un successo comune per l’Europa e una pietra miliare nel rafforzare la sicurezza energetica dell’UE. Egli ha espresso la fiducia che la decisione odierna «fornirà un ulteriore impulso per la realizzazione rapida e completa di tutto il corridoio meridionale del gas come un collegamento diretto e dedicato dal Mar Caspio verso l’Unione europea, che dovrebbe essere ampliata nel tempo».

Il Commissario Ue all’Energia Günther Oettinger ha detto che c’è un impegno preciso da parte dell’Azerbaijan che il gas sarà consegnato direttamente in Europa attraverso un sistema di nuovi gasdotti dedicato.

«Se il sistema è costituito da due condotte di gas – TANAP e TAP – o una sola conduttura come da precedenti progetti – non fa alcuna differenza in termini di sicurezza energetica», ha detto Oettinger.

«Ora abbiamo un nuovo partner per il gas, e sono sicuro che riceveremo più gas in futuro», ha aggiunto. Il progetto TAP è stato progettato per trasportare il gas dalla regione del Caspio attraverso la Grecia e l’Albania e in tutto il mare Adriatico a sud Italia e in seguito l’Europa occidentale. Gas che sarà prodotto durante la seconda fase di Shah Deniz sviluppo del campo è considerato come la fonte principale per il progetto.

Il percorso TAP sarà di circa 870 km di lunghezza (Grecia 550 km; Albania 210 km; off-shore Mare Adriatico 15 km; Italia 5 km). Gasdotti iniziale della TAP sarà di 10 miliardi di metri cubi l’anno, ma sarà facilmente espandibile fino a 20 miliardi di metri cubi all’anno. Gli azionisti di TAP sono AXPO la Svizzera (42,5 per cento), la norvegese Statoil (42,5 per cento) e E.ON Ruhrgas di Germania (15 per cento).

Un altro gasdotto che in lizza per il trasporto del gas azero verso l’Europa occidentale è Nabucco.

Secondo la dichiarazione della Commissione europea, in linea di principio, il gas dal Mar Caspio potrebbe essere consegnato presso l’UE sia a Baumgarten / Vienna (Nabucco Ovest) o in Italia (TAP).

«Indipendentemente dal percorso concreto, la Commissione europea ha sempre sottolineato che entrambe le opzioni di trasporto necessari per consentire ulteriormente la fornitura di gas del Caspio ad altre parti d’Europa. L’UE ha inoltre sollecitato la costruzione di una nuova condotta al di fuori dell’UE, che essere scalabile in modo da consentire ai futuri ulteriori volumi di gas, nonché un quadro giuridico chiaro e trasparente per il trasporto del gas verso l’Europa », dice il rapporto.

Secondo il rapporto, l’apertura del Corridoio Sud insieme con i lavori in corso promossa dall’UE sulla costruzione di dispositivi di interconnessione mancanti nella UE consentirà al gas del Caspio di raggiungere finalmente diversi paesi in Europa, in particolare nel sud-est Europa.

«L’UE continua a tenere negoziati con potenziali fornitori di gas della regione più grande in vista di ulteriori volumi di gas», si legge nel rapporto.