FSB e terrorismo

46

RUSSIA – Mosca 10/06/2014. Il Servizio federale di sicurezza russo (Fsb) ha smantellato 11 cellule terroristiche internazionali in Siberia negli ultimi due anni.

ha detto Martedì.  Lo ha annunciato il direttore del Alexander Bortnikov nella riunione del Comitato Nazionale Anti-Terrorismo, il 10 giugno. «Il Distretto Federale Siberiano, a causa del suo potenziale industriale e della Difesa, la sua posizione e l’alto livello di immigrazione clandestina, è un bersaglio ottimale per i gruppi terroristici internazionali», ha detto Bortnikov. Secondo il direttore del servizio, «undici cellule di gruppi terroristici internazionali sono state smantellate» in Siberia solamente negli ultimi due anni; allo stesso tempo, c’è stato un aumento del numero di gruppi radicali nella stessa regione che «utilizzano mezzi violenti per fini terroristici». Bortnikov ha fornito poi altri dati slle attività del Fsb. Il servizio federale ha eliminato 130 terroristi nel 2014, di cui 21 erano figure di vertice, e ha sventato sei attacchi terroristici: «Il risultato di una serie di misure preventive e di nostre operazioni militari, è stata l’eliminazione di 130 terroristi quest’anno, tra cui 21 “dirigenti”, scoperte più di 160 basi terroristiche e stanati altrettanti nascondigli di armi», ha detto Bortnikov. Secondo il direttore Fsb, sono stati 38 gli episodi criminali legati al terrorismo e sventati, tra cui sei attacchi terroristici. Bortnikov ha osservato che il Fsb è riuscito a ridurre le attività terroristiche della metà, in questo primo semestre del 2014 rispetto allo stesso periodo nel 2013.