Tunisia: ripresa fragile

39

TUNISIA -Tunisi. 30/03/14. L’FMI ha annunciato che è stato trovato un accordo preliminare con la Tunisia, permettendo l’apertura di una nuova tranche di aiuti pari a 225 milioni di dollari.

Un accordo preliminare tra il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Tunisia è stato trovata e sarà dunque finanziata una nuova tranche di 225 milioni dollari per sostenere la transizione politica del paese. Ora la palla passa agli stati membri dell’FMI per l’approvazione.
In precedenza a fine gennaio è stato un totale di 506.000.000 di dollari. Queste tranche rientrano nel piano di aiuto da 1,7 miliardi dollari concesso nel giugno 2013 da parte del FMI. In una dichiarazione rilasciata a inizio settimana, l’FMI ha accolto con favore «l’impegno delle autorità tunisine» per seguire le riforme economiche imposte dall’organizzazione monetaria in cambio del suo aiuto. «Il progresso significativo apre politicamente la porta anche agli investitori esteri in attesa da molti mesi» hanno riferito gli esperti del Fondo. Essi ricordano, tuttavia, che «la situazione economica resta molto fragile, con un tasso di crescita che è insufficiente a soddisfare le altissime aspettative sociali della popolazione». Il tasso di crescita di quest’anno in Tunisia, secondo il FMI, 2,8%, 0,2% in più rispetto al 2013. «I rischi a breve termine per le prospettive per l’economia tunisina rimangono importanti, soprattutto nei casi di estensione della transizione politica, a rinnovate tensioni di sicurezza o un declino delle condizioni economiche nei principali partner commerciali della Tunisia ». fonte FMI