FINLANDIA. Helsinki blocca l’espansione cinese verso il Polo Nord

114

Nuovo stop per la corsa al Polo Nord di Pechino. Secondo l’emittente pubblica finlandese Yle, l’Istituto statale di ricerca polare cinese ha tentato nel 2018 di acquistare o affittare un aeroporto vicino alla piccola città di Kemijärvi, nel nord della Finlandia, per voli di ricerca sul Polo Nord e altre parti della regione artica. Il team della delegazione negoziale era guidato dal direttore dell’istituto Zhang Xia e da Xu Shijie, direttore dell’amministrazione cinese dell’Artico e dell’Antartico. Curiosamente, la delegazione includeva un assistente dell’addetto militare dell’ambasciata cinese a Helsinki, il maggiore Jie Li.

Stando a quanto riporta The Diplomat, la Difesa finlandese ha bloccato l’accordo per motivi di sicurezza, dato che l’aeroporto si trova nelle immediate vicinanze del poligono di tiro di Rovajärvi. Se i piani della Cina fossero stati realizzati, i cinesi sarebbero stati pronti a spendere oltre 40 milioni di euro per espandere la pista per ospitare aerei pesanti. Inoltre, sarebbero stati costruiti nuovi edifici aeroportuali e strutture di ricerca.

Poiché l’importanza geostrategica della regione artica sta aumentando, la Cina non vuole essere esclusa dalle attività regionali. Un grande aeroporto combinato con una stazione di ricerca a Kemijärvi avrebbe consolidato gli sforzi della Cina per costruire una via della seta polare come parte della sua Belt and Road Initiative.

Il rafforzamento delle capacità di ricerca sull’Artico è importante per le ambizioni della Cina nell’Artico. Oltre alla conoscenza degli impatti del cambiamento climatico sull’agricoltura, l’economia e i modelli meteorologici della Cina, la ricerca artica potrebbe sostenere la logistica militare e contribuire allo sviluppo di tecnologie militari polari. Prima di spostare i suoi sottomarini nucleari strategici per pattugliare sotto i ghiacci polari, per esempio, la Cina avrebbe bisogno di una crescente quantità di dati di ricerca sulle condizioni estreme sia sopra che sotto la superficie. Tali dati sosterrebbero anche lo sviluppo del sistema di navigazione satellitare cinese, BeiDou2.

Le opportunità della Cina di stabilire stazioni di ricerca vicino al Circolo Polare Artico sembrano ad oggi ridursi. Poiché cinque degli otto stati artici sono membri della Nato, ci si può aspettare che siano sempre più riluttanti a consentire investimenti cinesi in infrastrutture critiche. Mentre la Groenlandia, un paese autonomo all’interno del Regno di Danimarca, ha generalmente accolto la crescente presenza della Cina come supporto ai loro sforzi per ottenere l’indipendenza da Copenhagen, i piani cinesi per costruire una stazione di ricerca non si sono ancora materializzati. Inoltre, i danesi hanno bloccato i tentativi cinesi di acquistare una base navale abbandonata in Groenlandia nel 2016.

Anche se la Russia sembra avere a cuore una partnership strategica in rapido sviluppo con la Cina, non vuole avere una forte influenza cinese nell’artico.

Pertanto, la Finlandia sembra rappresentare l’unico partner possibile per la Cina nell’Artico. In effetti, le relazioni sino-finlandesi si sono sviluppate senza problemi in 70 anni di legami diplomatici, senza grandi conflitti. Attualmente, la diplomazia cinese mira certamente a mantenere l’immagine di una “relazione speciale” attraverso riconoscimenti lusinghieri come la visita del presidente Xi Jinping in Finlandia nel 2017 in combinazione con la consegna di due panda allo zoo finlandese di Ähtäri.

Inoltre, la Cina sembra trattare la Finlandia con i guanti di velluto rispetto a molti paesi vicini: il recente tweet del primo Ministro Sanna Marin di condanna delle violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, non ha suscitato alcuna reazione da parte dell’ambasciata cinese.

La Finlandia si trova all’estremità europea della Via della Seta Polare, offrendo un accesso ai mercati europei. L’acquisto proposto di un aeroporto non è l’unico grande progetto di infrastruttura economica che coinvolge gli investitori cinesi in Finlandia. Oltre alla bioenergia e al turismo, gli investitori cinesi hanno partecipazioni nei piani per costruire il Corridoio Artico, un nuovo collegamento ferroviario tra Rovaniemi e Kirkenes in Norvegia. Nella parte meridionale del paese, la cinese Touchstone Capital Partners Ltd. ha espresso il suo interesse a investire nel tunnel ferroviario sottomarino più lungo del mondo tra Helsinki e Tallinn, in Estonia.

Eppure sembra che gli investimenti cinesi siano sempre più sotto esame in Finlandia: Helsinki ha sospeso il suo accordo di estradizione con Hong Kong, e la legge finlandese sul 5G, pur non puntando direttamente su Huawei o Zte, è pesante come quelle di altre parti d’Europa, causando notevoli preoccupazioni per le aziende di telecomunicazioni cinesi.

Antonio Albanese