FINLANDIA. Dopo 15 anni è operativo il nuovo reattore franco-tedesco

144

Il reattore nucleare finlandese Olkiluoto-3, è stato collegato alla rete elettrica per la prima volta questo mese, ha dichiarato l’operatore dell’impianto, 12 anni dopo il lancio previsto. Situato sulla costa occidentale della Finlandia, Olkiluoto-3 è il primo nuovo impianto nucleare del Paese in oltre quarant’anni e il primo in Europa in quasi 15 anni.

L’inaugurazione ha anche scatenato un dibattito sulla definizione di energia verde per la Corte di Giustizia europea e persino per il Parlamento europeo, che le organizzazioni ambientaliste contestano perché classificano l’energia nucleare e il gas come fonti energetiche sostenibili. Esse sostengono che gli investimenti verdi non dovrebbero essere destinati a queste industrie.

Il reattore da 1,6 Giga-Watt, costruito dal consorzio francese Areva-Siemens, doveva essere inaugurato nel 2009. Utilizzando il modello di reattore pressurizzato europeo di terza generazione, progettato per migliorare la sicurezza e ridurre i costi, è stata la prima centrale nucleare ad essere acquistata in Europa dopo il disastro di Chernobyl del 1986, riporta MercoPress.

Olkiluoto-3 avrebbe dovuto essere una vetrina del know-how franco-tedesco, in grado di offrire una maggiore potenza e una migliore sicurezza. Ma il progetto è stato afflitto da problemi tecnologici e da un eccesso di costi che sono via via aumentati.

I costi sono lievitati da una stima iniziale di 3 miliardi di euro a circa 11 miliardi di euro, secondo il World Nuclear Industry Report 2019.

Il ministero dell’Economia finlandese e l’autorità di regolamentazione nucleare del Paese hanno dichiarato che il progetto è stato afflitto da una serie di contrattempi tecnici e di sicurezza dovuti a una cattiva gestione e lavorazione del progetto. I ripetuti ritardi hanno portato ad aspre controversie in materia di risarcimento tra l’operatore finlandese TVO e Areva, con quest’ultima che alla fine ha accettato nel marzo 2018 di pagare a TVO un risarcimento finanziario di 450 milioni di euro.

Nel corso del tempo, Olkiluoto-3 dovrebbe ridurre la necessità di importare elettricità da Russia, Svezia e Norvegia e portare a prezzi più bassi. Olkiluoto-3 funzionerà accanto ai due reattori esistenti, diventando alla fine il reattore più potente d’Europa.

Una volta avviata la produzione regolare di energia a luglio, il reattore fornirà circa il 14% dell’energia finlandese con 1.650 megawatt, ha dichiarato TVO. «OL3 migliora significativamente l’autosufficienza elettrica della Finlandia e contribuisce al raggiungimento degli obiettivi di neutralità delle emissioni di carbonio», ha dichiarato l’operatore in un comunicato. Le importazioni nette di energia elettrica della Finlandia sono state in media di 13 terawattora negli ultimi anni, che dovrebbero ridursi di circa la metà entro il 2025 con Olkiluoto-3 in funzione.

Tuttavia, l’energia nucleare rimane controversa in Europa: mentre Paesi come la Germania stanno eliminando gradualmente i loro reattori nucleari, adducendo problemi di sicurezza, Francia, Gran Bretagna e altri stanno pianificando nuovi progetti nucleari. L’invasione russa dell’Ucraina ha anche concentrato l’attenzione su come ridurre la dipendenza dell’Europa dall’energia russa e alcuni politici stanno evidenziando il nucleare come alternativa autosufficiente e più economica.

Anna Lotti

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/