FINANZA. Lo Yuan si apprezza e il rublo crolla per la guerra in Ucraina

309

Lo yuan si è apprezzato a un livello che non si vedeva da quasi quattro anni sulle robuste esportazioni della Cina e un afflusso di fondi nei suoi mercati dei capitali, e si prevede che la valuta guadagnerà più utilizzatori a causa delle sanzioni alla Russia per l’invasione dell’Ucraina.

Lo spread tra il rendimento del Tesoro Usa a due anni e la controparte cinese segue in gran parte il tasso di cambio tra lo yuan e il dollaro. La regola generale è che un differenziale di tasso più ampio denota uno yuan più forte e viceversa.

Nelle ultime settimane, il rendimento del Tesoro a due anni è salito per i previsti aumenti dei tassi. Il movimento ha ridotto il margine di rendimento tra Stati Uniti e Cina. Ma lo yuan non ha seguito l’esempio deprezzandosi, interrompendo la normale dinamica.

«Lo yuan forte è stato il risultato degli afflussi di capitale nei mercati obbligazionari e azionari onshore dopo che gli asset cinesi sono stati inclusi negli indici di investimento globali», riporta Nikkei. L’anno scorso, il Ftse Russell ha incluso il debito pubblico cinese nel suo indice obbligazionario globale di riferimento. Le partecipazioni in titoli di stato cinesi da parte degli investitori internazionali sono balzate dell’80% in valore rispetto a due anni fa.

Gli acquisti di azioni cinesi sono stati robusti a causa delle aspettative di misure di stimolo economico da parte del governo cinese. L’acquisto di azioni da parte di stranieri attraverso Hong Kong ha superato le vendite di azioni su base netta per 17 mesi consecutivi fino a febbraio.

Attese non deluse dagli obiettivi posti dalla “Two Sessions” del parlamento e del partito comunista che ha posto l’obiettivo di crescita economica al 5,5% per il 2022.

Anche le esportazioni cinesi hanno sostenuto lo yuan. Il paese ha raggiunto un’eccedenza commerciale record per l’intero anno 2021 e ha battuto il record mensile a dicembre. C’è un’enorme domanda da parte degli esportatori che cercano di scambiare i dollari che hanno accettato in yuan.

Lo yuan continuerà a scambiare forte questo mese, secondo un outlook di Bnp Paribas. Non solo c’è un surplus commerciale fuori misura, i cinesi si sono in gran parte astenuti dal viaggiare all’estero, un’attività che promuove uno yuan più debole, secondo il gruppo bancario.

La guerra in Ucraina non ha portato alla svendita dello yuan. Ogni volta che si accende un conflitto, i commercianti in genere scaricano le valute dei paesi emergenti e dirigono i fondi verso alternative più sicure come il dollaro americano o il franco svizzero. Il rublo russo è crollato dopo l’imposizione delle sanzioni occidentali. Eppure lo yuan continua a salire durante questo periodo di mitigazione del rischio.

L’espulsione di alcune banche russe dalla rete finanziaria Swift ha dato origine al potenziale che lo yuan attirerà più utenti, aggiungendo vento all’ambizione di sviluppare una sfera di pagamento internazionale autonoma governata dalla valuta.

«La Russia ha ridotto le partecipazioni in dollari statunitensi in modo abbastanza aggressivo e ha aumentato le partecipazioni in euro, yuan cinese e oro», riporta Nikkei. «In una prospettiva di 5-10 anni, le partecipazioni russe in Renminbi, o yuan cinese, aumenteranno sicuramente» prosegue l’agenzia nipponica.

Lo yuan ha rappresentato il 3,2% degli insediamenti internazionali nel mese di gennaio, secondo i dati Swift, battendo il record stabilito nell’agosto 2015. La quota è ancora piccola rispetto al dollaro e all’euro, che controllano quasi il 40% ciascuno. Ma lo yuan ha superato lo yen per due mesi consecutivi.

Il governo cinese mantiene severi controlli sui capitali che pongono limiti alle transazioni in contanti dello yuan attraverso il confine. Tali restrizioni pongono una differenza chiave dal dollaro, che è stato adottato come fiat internazionale.

Le autorità cinesi stanno cominciando ad esprimere dubbi sullo yuan forte, che può influenzare la domanda di esportazioni cinesi. Le principali banche statali hanno comprato dollari sul mercato aperto per difendersi da questa tendenza, riporta Reuters. La People’s Bank of China, la banca centrale, ha fissato ancora una volta un tasso di riferimento debole per lo yuan la settimana scorsa. La Pboc «ha segnalato la sua insoddisfazione per la forza del renminbi negli ultimi mesi E potrebbe intervenire con più forza per indebolire il renminbi, direttamente o attraverso le banche statali», prosegue Nikkei.

Maddalena Ingrao