FINANZA. La crisi ucraina cambia le priorità delle banche centrali

158

Le banche centrali in Asia devono stanno vivendo giorni difficili per le conseguenze della guerra Russia-Ucraina, con un’immediata impennata del prezzo del petrolio sopra i 100 dollari al barile, e imponderabili a lungo termine sulla fiducia, gli investimenti, il commercio e il sistema finanziario. La questione è complicata in una regione con un mix di grandi economie come Cina e India, potenze di esportazione come la Corea del Sud, più nazioni emergenti con diverse strutture commerciali.

Stando a AF, Nomura ha detto che un aumento sostenuto dei prezzi del petrolio e degli alimenti colpirebbe alcune economie asiatiche indebolendo le loro partite correnti e i bilanci fiscali e comprimendo la crescita, con l’India, la Tailandia e le Filippine probabilmente in testa. Al contrario l’Indonesia, paese esportatore di petrolio, potrebbe beneficiarne.

«Le banche centrali dell’Asia sviluppata probabilmente stringeranno le politiche a causa del rischio di effetti secondari in un’economia già in rafforzamento, mentre le banche centrali dell’Asia emergente probabilmente daranno la priorità alla crescita ancora debole», hanno scritto gli analisti di Nomura.

La Banca del Giappone dovrebbe mantenere la politica monetaria ultra-allentata per il prossimo futuro. Mentre un aumento previsto del carburante spingerebbe l’inflazione più vicino al suo obiettivo del 2%, la preoccupazione per i danni al consumo probabilmente supererà la necessità di combattere l’inflazione con una politica più rigida, dice Nomura.

La svolta delle banche centrali verso una politica monetaria più rigorosa, post-pandemia, è stata messa in dubbio dall’invasione russa dell’Ucraina, uno sconvolgimento geopolitico che probabilmente sarà sentito in modo diverso nei principali centri economici del mondo. Le banche centrali si erano posizionate per una lotta frontale contro l’inflazione mentre si aspettavano una continua e forte crescita economica.

Ma ora potrebbero vedere la crescita diminuire anche se i prezzi continuassero a salire, enigma non facilmente risolvibile con le strategie standard di politica monetaria: «Per le principali banche centrali delle economie avanzate l’intensificazione della guerra le lascia ora in una posizione nettamente peggiore» scrive Oxford Economics. «L’alto punto di partenza per l’inflazione… renderà difficile per le banche centrali ignorare le forze al rialzo a breve termine sull’inflazione. Ma allo stesso tempo, saranno consapevoli che gli ultimi sviluppi aumentano i rischi di un’inflazione molto bassa alla fine del 2023 o 2024 a causa di una prospettiva di crescita più debole».

L’alta inflazione negli Stati Uniti e altrove rende improbabile che la Federal Reserve, la Banca Centrale Europea e la Banca d’Inghilterra mettano completamente in pausa quella che è stata una svolta comune verso una politica monetaria più stretta.

Meno di 24 ore dopo l’inizio dell’invasione della Russia, il governatore della Fed statunitense Christopher Waller ha parlato di possibilità di aumento dei tassi Usa di un intero punto percentuale entro la metà dell’estate: «Naturalmente, è possibile che lo stato del mondo sia diverso sulla scia dell’attacco in Ucraina, e questo potrebbe significare che una stretta più modesta sia appropriata, ma questo resta da vedere».

Graziella Giangiulio