FINANZA. Crollano le borse e schizzano le commodity con la guerra in Ucraina

110

I mercati statunitensi hanno seguito il crollo globale delle azioni e un’impennata dei prezzi del petrolio il 24 febbraio dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un’azione militare in Ucraina. I prezzi del petrolio sono saltati di più di 7 dollari al barile e i futures per l’indice di riferimento S&P 500 di Wall Street e il Dow Jones Industrial Average erano fuori di più del 2,5%.

I benchmark di mercato in Europa e Asia sono scesi fino al 5%, mentre gli operatori cercavano di capire quanto grande sarebbe stata l’incursione di Putin e la portata della rappresaglia occidentale, riporta AP. I prezzi dell’energia sono aumentati, alimentando i timori di inflazione. Il prezzo spot in Europa per il gas naturale, per il quale il continente si affida alla Russia, è balzato fino al 31%.

Il greggio Brent è balzato sopra i 100 dollari al barile a Londra per la prima volta dal 2014, a causa del disagio per la possibile interruzione delle forniture dalla Russia, il produttore numero 3. Il greggio americano di riferimento era vicino a 99 dollari al barile. Anche i prezzi del grano e del mais sono saliti.

Il rublo è affondato fino al 7,5% contro il dollaro durante la notte, ma ha recuperato leggermente, scendendo di circa il 5% al mattino. I mercati finanziari sono in «fuga verso la sicurezza e potrebbero dover prezzare una crescita più lenta» a causa degli alti costi energetici, prosegue l’agenzia Usa.

A Bruxelles, il presidente della Commissione europea ha detto giovedì che l’Unione europea a 27 nazioni ha pianificato “sanzioni massicce e mirate” sulla Russia.

Il FTSE 100 a Londra è sceso del 3,3% dopo che l’Europa si è svegliata alle notizie di esplosioni a Kiev, Kharkiv e altre aree. Il DAX a Francoforte è crollato del 5,4% e il CAC a Parigi ha perso il 4,9%.

La borsa di Mosca ha sospeso brevemente le negoziazioni su tutti i suoi mercati giovedì mattina. Dopo la ripresa delle negoziazioni, l’indice azionario MOEX, denominato in rubli, è crollato di oltre il 20% e l’indice RTS, denominato in dollari, è crollato di oltre un terzo.

Questo si aggiunge allo scivolone dell’1,8% di mercoledì per l’S&P 500 ai minimi di otto mesi dopo che il Cremlino ha detto che i ribelli in Ucraina orientale hanno chiesto assistenza militare. Mosca ha inviato soldati in alcune aree controllate dai ribelli dopo averle riconosciute come indipendenti.

Il prezzo del petrolio sui mercati internazionali è salito a 101,27 dollari, mentre il West Texas Intermediate è salito di 7,65 dollari a 99,75 dollari al barile nel trading elettronico al New York Mercantile Exchange. Il contratto è sceso di 25 centesimi a 92,10 dollari mercoledì.

In Asia, il Nikkei 225 a Tokyo è sceso dell’1,8% a 25.970,82 e l’Hang Seng a Hong Kong ha perso il 3,2% a 22.901,56. L’indice Shanghai Composite ha perso l’1,7% a 3.429,96.

Le economie asiatiche affrontano rischi minori rispetto all’Europa, ma quelle che hanno bisogno di petrolio importato potrebbero essere colpite da prezzi più alti se le forniture russe sono interrotte, dicono i meteorologi. Il Kospi di Seul ha perso il 2,6% a 2.648,80 e lo S&P-ASX 200 di Sydney è sceso del 3% a 6.990,60.

Il Sensex dell’India è sceso del 4,7% a 54.529,91. La Nuova Zelanda ha perso il 3,3% e anche i mercati del sud-est asiatico sono scesi.

Come riporta Reuters, la caduta delle azioni era iniziata con un tuffo del 2,6% per gli indici pan-asiatici. L’indice europeo STOXX 600 è poi sceso del 3,9% – toccando il minimo da maggio 2021 e a più del 10% dal record di gennaio.

Il DAX tedesco è sceso del 4,7%, sopportando il peso del selloff a causa della forte dipendenza dalle forniture energetiche russe e dalle quantità che le sue aziende vendono alla Russia.

L’impennata dei prezzi del petrolio ha aiutato a limitare le perdite sul FTSE 100 (.FTSE) del Regno Unito, ricco di materie prime, anche se è ancora crollato del 2,3%.

Maddalena Ingroia