Bilancio della Borsa irachena

79

EMIRATI ARABI UNITI – Dubai. 01/02/14. L’amministratore delegato della Borsa dell’Iraq  [ISX] ha detto che si rivolge a 25 aziende per fare un’offerta pubblica iniziale, un anno dopo che la borsa irachena è stata definita come il più grande IPO in Medio Oriente dal 2008.

Taha Ahmed Al Rubaye ha dichiarato all’Arabian Business che era in trattative con i dirigenti delle aziende che erano vicino a soddisfare i requisiti per la quotazione, tra gli obiettivi dell’Amministratore delegato quello di avere 100 soci e la pubblicazione dei dati finanziari per l’anno passato. La borsa irachena è ancora giovane, fa sapere Taha Ahmed Al Rubaye.

«Ho una lista di circa 25 società non quotate; stiamo incoraggiando le aziende ad aderire alla quotazione in borsa » ha detto Al Rubaye a margine della conferenza del 2014 in Iraq Finance a Dubai che si è svolta lunedì.

«In Iraq ci sono migliaia di società a responsabilità limitata, stiamo incoraggiando queste società a cambiare natura giuridica shareholders [ e quindi di lanciare una IPO] ».

La ISX è stata fondata nel 2004 dopo la caduta di Saddam Hussein, ma è ancora relativamente di piccole dimensioni, con 83 società quotate con una capitalizzazione di mercato di $ 9 miliardi. Ancora non è completamente digitalizzata – ci si aspetta di andare online entro la fine dell’anno – lo scambio è salito alla ribalta nel 2013 con la più grande quotazione del Medio Oriente dal 2008 – operatore di telecomunicazioni Asiacell .

Asiacell ha portato in borsa scambi per 1.490 miliardi dollari di dinari iracheni ($ 1,3 miliardi ) e il prezzo delle azioni è salito al massimo del 10 per cento nel primo giorno di negoziazione il 4 febbraio.

Le altre due reti di telefonia del paese inoltre dovrebbero essere quotate, ma solo Zain Iraq ha pubblicamente dichiarato la sua intenzione di andare in borsa. Secondo Al Rubaye: «Siamo in attesa di avere la loro richiesta. Credo che, se l’assemblea generale durante la riunione di quest’anno decide di aderire e saranno pronti in giugno o luglio». Al Rubaye detto anche lui aveva avuto colloqui con “diverse ” banche che erano vicino a soddisfare i requisiti di quotazione, ma è necessario  aumentare il loro numero di azionisti a 100.

CONDIVIDI
Articolo precedenteS 300 per Astana
Articolo successivoAutobus per la Libia