FINANZA. A quando il nuovo Cryptocrack?

90

Potrebbe non essere possibile evitare una crisi, ma è possibile contenerla. L’attuale crisi delle criptovalute assomiglia molto alla crisi dei subprime del 2008, di cui stiamo pagando d’ancora le conseguenze. Siamo a un punto simile nei mercati delle criptovalute.

Il 2022 ha visto diversi crolli importanti legati alle criptovalute. A maggio è stata spazzata via la criptovaluta Terra/Luna, considerata una stablecoin di tutto rispetto con un valore di mercato totale di 31 miliardi di dollari ad aprile, riporta AT.

A luglio è fallito il prestatore di criptovalute Celsius, con sede negli Stati Uniti e con un patrimonio valutato a maggio di 12 miliardi di dollari.

A novembre, poi, FTX – una delle più grandi borse di criptovalute al mondo, valutata 32 miliardi di dollari all’inizio del 2022 – è crollata, portando con sé gli asset di 1,2 milioni di clienti.

I possessori di criptovalute sono spaventati, in attesa che cada la prossima borsa.

Questo mese sembrava che potesse essere la più grande borsa di criptovalute del mondo, Binance, dopo che i clienti hanno ritirato 1,9 miliardi di dollari di attività in 24 ore.

Per mettere questo dato in prospettiva, si tratta di appena il 3,5% dei 55 miliardi di dollari di attività che Binance ha dichiarato di detenere il 18 dicembre. Binance afferma che i ritiri si sono calmati.

Ma il panico è stato abbastanza reale, apparentemente scatenato da alcuni grandi depositanti che hanno interpretato l’interruzione delle negoziazioni di una delle monete quotate di Binance come un segnale più serio.

In ogni crisi di mercato c’è sempre un problema di fondo che fornisce il combustibile per la scintilla.

In questo caso il problema è che Binance e altri exchange centralizzati di criptovalute (noti come CEX) sono più rischiosi di altri modi di conservare gli asset di criptovalute.

Ci sono buone ragioni per cui ogni proprietario di criptovalute, dopo aver visto ciò che è successo con FTX, un’altra borsa centralizzata, dovrebbe ritirare i propri beni. La lezione di FTX è che se non si ha l’autocustodia dei propri asset di criptovaluta, non si ha un vero controllo.

Le borse centralizzate di criptovalute sono più simili a banche che a scambi. Agiscono come depositari, custodendo le criptovalute o la valuta fiat dei clienti, in modo simile alla custodia del denaro in un conto bancario.

Ma le banche sono regolamentate, in parte per minimizzare i crack che si sono verificati regolarmente in passato.

Tra queste, un quadro normativo globale noto come linee guida prudenziali di Basilea, introdotte nel 1988 per garantire che ogni banca disponga di un capitale sufficiente e di una liquidità sufficiente a far fronte ai prelievi. Inoltre, le banche sono tenute a comunicare regolarmente le informazioni finanziarie.

Le banche sono strettamente controllate perché detengono la maggior parte del denaro dell’economia. Affinché l’economia funzioni è fondamentale che le persone possano conservare il denaro in modo sicuro e protetto e accedervi quando necessario.

C’è bisogno della stessa supervisione per le criptovalute. Ogni borsa centralizzata di criptovalute è in pericolo se i prelievi dei clienti superano le sue attività liquide. Se non riesce a coprire i prelievi, deve congelare i conti dei clienti. A quel punto la fine è vicina. Questo è ciò che è successo con FTX, anche se la persona che ha effettuato i prelievi più problematici è stato il fondatore Sam Bankman-Fried.

Il prossimo grande crollo delle criptovalute non è una questione di “se”, ma di “quando”, e se i governi riusciranno a lavorare abbastanza rapidamente per costruire le riserve normative necessarie a impedire che il crollo porti al contagio.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/