FILIPPINE. Manila in quarantena comunitaria per il coronavirus. Ma non troppo

464

Le Filippine sono diventate il primo Paese del Sudest asiatico a imporre un blocco della capitale, mentre aumentano i timori di un’epidemia con un improvviso aumento dei nuovi casi di coronavirus. Il 12 marzo il presidente Rodrigo Duterte ha annunciato che Metro-Manila, tra le capitali più densamente popolate della terra con oltre 12 milioni di abitanti, sarà in “quarantena comunitaria” almeno dal 15 marzo al 14 aprile.

Come riporta Asia Times, la quarantena vieta gli incontri di massa, comprese presumibilmente le funzioni religiose, e impone la chiusura di uffici governativi e scuole. L’ordine incoraggia il settore privato ad adottare modalità di lavoro flessibili e un rigoroso allentamento della vita sociale, consigliando alle imprese manifatturiere, di vendita al dettaglio e di servizi di continuare a operare. Anche i trasporti pubblici rimarranno operativi durante il periodo di chiusura.

La decisione ha seguito l’annuncio fatto dal Dipartimento della Salute che ha confermato 52 casi di Covid-19 e cinque decessi dovuti a virus. Le Filippine in precedenza avevano un numero di casi tra i più bassi della regione; il presidente userà la forza per far rispettare la quarantena.

La risoluzione, ha detto Duterte, sarà presto convertita in un ordine esecutivo in modo che le autorità possano attuarla legalmente. Migliaia di uomini della Polizia nazionale filippina e delle Forze armate delle Filippine saranno dispiegate in punti di controllo in tutta la regione della capitale per far rispettare rigorosamente l’isolamento.

Il generale Archie Francisco Gamboa, capo della polizia nazionale filippina, aveva detto, prima dell’annuncio della “quarantena comunitaria”, che ben 40mila uomini della polizia, sarebbero state dislocati nella capitale per evitare incidenti. Nel frattempo, ben 1.500 soldati della Joint Task Force sono pronti ad assistere le forze di polizia.

Ma con solo 2000 kit di prova in un paese di 100 milioni di abitanti, ci sono diffuse preoccupazioni per la trasmissione non dichiarata e non rilevata, specialmente nella congestionata regione di Manila che ospita migliaia di cittadini cinesi, molti dei quali lavorano nel settore dei casinò online.

Ore dopo che il presidente Rodrigo Duterte aveva drammaticamente annunciato un “blocco” dell’intera area di Metro Manila per rallentare la diffusione del coronavirus, i suoi ministri hanno cominciato a fare marcia indietro con così tante esenzioni che gli osservatori hanno detto di essersi fatti beffe di quello che è stato bollato come un divieto “totale” di viaggio via terra, via mare e via aerea, riporta Scmp.

I pendolari che vivevano fuori Manila e che potevano dimostrare di lavorare nella capitale sarebbero stati tra gli esentati, una mossa che spiana la strada a più di due milioni di persone che ogni giorno entrano e escono dalla capitale; e così via. Anche ad alcuni funzionari del governo è stata concessa una deroga.

Gli esperti medici hanno detto che tante esenzioni significavano non bloccare la capitale filippina, che ha 12,8 milioni di abitanti, e che non aveva molto senso.

Antonio Albanese