FILIPPINE. Manila compra elicotteri d’attacco turchi

121

Le Filippine hanno acquisito i primi due dei sei elicotteri T129 ATAK di fabbricazione turca. Questa acquisizione fa parte di un accordo da 269 milioni di dollari tra le Filippine e la Turchia che è stato firmato nel luglio 2020. Il T129 ATAK è basato sul progetto AgustaWestland A129 Mangusta. Il 15° Strike Wing della Philippine Air Force opererà gli elicotteri.

Questi nuovi elicotteri completeranno la flotta esistente delle Filippine di MG-520 armati, AH-1S Cobra ed elicotteri AW109E utilizzati nelle operazioni di controinsurrezione contro i separatisti Moro, gli insorti comunisti e i gruppi terroristici, riporta AT.

I piani di acquisizione delle Filippine sono stati inizialmente messi in pericolo dalle sanzioni degli Stati Uniti alla Turchia a causa dell’acquisto da parte di quest’ultima del sistema missilistico russo S-400 terra-aria. Il T129 ATAK utilizza un LHTEC T800-4A prodotto negli Stati Uniti, che è una variante per l’esportazione del motore CTS800 sviluppato congiuntamente da Honeywell e Rolls-Royce.

Tuttavia, nel maggio 2021 gli Stati Uniti hanno concesso la licenza di esportazione necessaria alla Turchia per vendere gli elicotteri alle Filippine. L’approvazione statunitense era necessaria perché gli elicotteri sono alimentati da motori statunitensi.

L’arrivo dei T129 segna il compimento di un obiettivo a lungo sostenuto dall’esercito filippino di acquisire elicotteri d’attacco dedicati per scopi di controinsurrezione. Su diverse misure, sono molto più capaci degli attuali MG-520 e dei più recenti elicotteri armati AW-109E delle Filippine.

Gli elicotteri turchi sono armati con un autocannone da 20 mm, possono trasportare una varietà di missili e bombe, e sono una valida piattaforma di lancio per il sistema di razzi a guida laser da 70 mm Guided Advanced Tactical Rocket (GATR) della Elbit Systems, che le Filippine intendono acquisire in un progetto separato.

Per molti anni, l’aeronautica militare filippina si è affidata agli MG-520 riarmati e ai nuovi AW-109E per il supporto aereo ravvicinato. Tuttavia, la battaglia di Marawi del 2017 contro i militanti Daesh ha dimostrato che questi elicotteri erano troppo poco armati e mancavano delle scorte di armi necessarie per affrontare nemici trincerati in uno scenario urbano.

Inoltre, la carenza di munizioni guidate durante la battaglia ha portato a significativi danni collaterali e incidenti di fuoco amico, il più tragico dei quali ha portato alla morte di 10 soldati a causa di un attacco aereo governativo errato. Le Filippine hanno quindi iniziato a cercare misure provvisorie per un elicottero d’attacco dedicato. Nel 2019, le Filippine hanno ricevuto due elicotteri d’attacco AH-1S Cobra in surplus donati dalla Giordania. Queste unità sono state i primi elicotteri d’attacco dedicati al servizio filippino. Anche se piuttosto frammentaria, l’acquisizione è stata una spinta molto necessaria per le limitate capacità dell’esercito filippino.

Nel 2020, gli Stati Uniti hanno offerto alle Filippine la scelta tra sei elicotteri d’attacco AH-1Z Viper per 450 milioni di dollari o sei AH-64E Apaches per 1,6 miliardi di dollari. Questi prezzi elevati, tuttavia, hanno probabilmente costretto le Filippine a considerare altre opzioni a basso costo.

Le Filippine hanno anche considerato l’acquisizione di elicotteri d’attacco russi. Manila avrebbe potuto acquistare il Mi-24 Hind dalla Russia, anche se i costi elevati, i problemi di interoperabilità e la minaccia di sanzioni statunitensi hanno bloccato l’acquisto.

Nonostante ciò, le Filippine hanno deciso di proseguire con l’acquisizione di 17 elicotteri da trasporto pesante Mi-17 dalla Russia in un accordo da 249 milioni di dollari firmato lo scorso novembre, poiché le Filippine hanno effettuato il pagamento iniziale questo gennaio prima dell’invasione di Mosca in Ucraina e delle sanzioni di ritorsione degli Stati Uniti.

L’acquisizione da parte delle Filippine dell’elicottero T129 ATAK riflette la diversificazione dei fornitori di difesa del paese e la maturazione della politica estera.

Anche se gli Stati Uniti rimangono il tradizionale fornitore di difesa del paese, gli alti costi delle attrezzature prodotte negli Stati Uniti, le condizioni politiche che gli Stati Uniti attribuiscono alle loro vendite di armi e le possibili sanzioni sulla situazione dei diritti umani delle Filippine possono aver influenzato la decisione di Manila di diversificare i suoi fornitori di difesa.

A parte l’acquisto del T129 della Turchia, le Filippine intendono ottenere da partner alternativi quello di cui hanno bisogno: corvette dalla Corea del Sud, jet da combattimento dalla Svezia, batterie di missili dall’India, missili terra-aria da Israele e sottomarini dalla Francia. Tali acquisti mirano a ridurre la sua dipendenza dalle garanzie di sicurezza e dalle attrezzature degli Stati Uniti.

Questa decisione può anche riflettere il crescente disagio del paese creato dalla sua alleanza con gli Stati Uniti: Usa e Filippine sono alleati per trattato dal 1951, l’asimmetria di potenza tra i due partner è stata un ostacolo nelle loro relazioni.

L’acquisto del T129 ATAK dalla Turchia può quindi essere interpretato come un piccolo ma incrementale passo per rafforzare le capacità militari delle Filippine, e gradualmente liberarsi dall’eccessiva dipendenza dagli Stati Uniti, diversificando i suoi partner di difesa e allo stesso tempo preservando la sua alleanza critica con gli Usa.

Maddalena Ingroia