FAO. Alimentari più cari del 28,1% nel 2021

58

I prezzi alimentari mondiali sono scesi leggermente nel mese di dicembre 2021, poiché i prezzi internazionali degli oli vegetali e dello zucchero sono scesi significativamente dai livelli elevati, ha riferito l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, Fao.

L’indice dei prezzi alimentari della Fao, FAO Food Price Index, ha registrato una media di 133,7 punti nel mese di dicembre, un calo dello 0,9% rispetto a novembre, ma un aumento del 23,1% rispetto al dicembre 2020. L’indice tiene traccia dei cambiamenti mensili dei prezzi internazionali delle materie prime alimentari comunemente scambiate. Solo il sottoindice dei prodotti lattiero-caseari ha registrato un aumento mensile a dicembre, riporta MercoPress.

Per il 2021 nel suo complesso, facendo la media dell’intero anno, l’indice dei prezzi alimentari della Fao ha registrato una media di 125,7 punti, ben il 28,1% in più rispetto all’anno precedente.

L’Indice dei prezzi cerealicoli della Fao è diminuito dello 0,6 per cento rispetto al mese di novembre, poiché il calo delle quotazioni del grano per l’esportazione, a causa del miglioramento dell’offerta dopo i raccolti dell’emisfero meridionale, ha più che compensato i prezzi del mais, sostenuti dalla forte domanda e dalle preoccupazioni per la persistente siccità in Brasile. Per l’intero anno, tuttavia, l’Indice dei prezzi cerealicoli della FAO ha raggiunto il livello annuale più alto dal 2012 e ha registrato una media del 27,2 per cento superiore a quella del 2020, con il mais in aumento del 44,1 per cento, il grano del 31,3 per cento, ma il riso in calo del 4,0 per cento.

L’Indice dei prezzi degli oli vegetali della FAO è sceso del 3,3 per cento a dicembre, con quotazioni più deboli per l’olio di palma e di girasole che riflettono una domanda globale di importazioni sottotono che potrebbe essere legata alle preoccupazioni per l’impatto dei crescenti casi di Covid-19. Per il 2021 nel suo complesso, l’Indice dei prezzi degli oli vegetali Fao ha raggiunto un massimo storico, aumentando del 65,8 per cento rispetto al 2020.

L’indice Fao dei prezzi dello zucchero è diminuito del 3,1 per cento rispetto a novembre, raggiungendo un minimo di cinque mesi, riflettendo le preoccupazioni per il possibile impatto della variante Omicron Covid-19 sulla domanda globale, così come l’indebolimento del real brasiliano e il calo dei prezzi dell’etanolo. Per il 2021 nel suo complesso, l’indice Fao dei prezzi dello zucchero è aumentato del 29,8% rispetto all’anno precedente, raggiungendo il livello più alto dal 2016.

L’indice Fao dei prezzi della carne è rimasto sostanzialmente stabile a dicembre, ma per tutto il 2021 l’indice Fao dei prezzi della carne è aumentato del 12,7% rispetto al 2020.

L’Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è stato l’unico sottoindice ad aumentare in dicembre, con un incremento dell’1,8% rispetto al mese precedente, poiché le quotazioni internazionali del burro e del latte in polvere sono aumentate a causa della minore produzione di latte in Europa occidentale e Oceania. I prezzi del formaggio sono diminuiti marginalmente, riflettendo una preferenza per i produttori di latte dell’Europa occidentale. Nel 2021, l’indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari

L’Index è stato in media più alto del 16,9 per cento rispetto al 2020.

Maddalena Ingrao