Venezuela popolo alla fame, inflazione al 50%

66

VENEZUELA – Bogotá. 17/10/13. Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha annunciato ieri che ad un anno dalla Missione alimentare voluta dal Governo, il Paese finalmente ha una buona distribuzione alimentare. «Oggi, io approvo i piani per moltiplicare la missione», ha detto dal suo account Twitter.

Maduro in sostanza vuole mantenere la Mission Food Program – che consiste nella vendita di alimenti di Stato a prezzi dal 70% all’80% in meno rispetto a quelli venduti nei supermercati privati – . Ma a quanto pare, nonostante gli sforzi del governo e l’aumento del numero delle catene alimentari private presenti in Venezuela, soprattutto nei centri urbani, vedi Caracas, ci sono problemi per reperire il cibo. 

L’Agenzia Brasile, ha ascoltato i residenti di Caracas che hanno parlato delle difficoltà incontrate. Secondo gli intervistati sia nei supermercati statali che in quelli provati è molto difficile comprare pollo, manzo, farina, riso, latte e carta igienica. Si va dalle due alle quattro ore di coda. 

L’Agenzia ha rilevato che c’è un timore di fondo da parte della popolazione per cui ogni volta che arrivano dei beni al super mercato le persone ne acquistano in gran quantità. 

Secondo le stime degli economisti, l’inflazione nel paese si prevede di raggiungerà il 50% entro la fine di quest’anno. La Banca Centrale del Venezuela ha riferito l’inflazione del 4,4% in settembre e del 49,4% negli ultimi 12 mesi.  

Gli anziani al telefono lamentano la gestione Maduro e rimpiangono Chavez. Tra le lamentele il fatto che il governo abbia, negli ultimi tre mesi, peggiorato la qualità dei servizi, se non tolti. 

Con i programmi creati da Hugo Chavez, come la missione cibo, migliaia di venezuelani hanno lasciato la soglia della povertà e sono state ridotte le diseguaglianze secondo le Nazioni Unite.

Nonostante i problemi posti dalla popolazione, Maduro ha ricordato che il programma alimentare raggiunge ormai l’82% della popolazione. «Indicatori recenti mostrano che la missione di cibo è aumentata e ora vengono servite in più rispetto a prima il 18% delle persone. Piuttosto, il progetto ha raggiunto il 64% della popolazione» ha detto il presidente. Secondo il Ministero del Potere Popolare, quest’anno sono stati raggiunti 65.000 viaggi dalle vendite di prodotti alimentari.