Il Pentagono compra 32 F35 Lockheed Martin

42

USA- Washington. Il Pentagono ha notificato al Congresso la firma di un accordo multimiliardario con Lockheed Martin per la fornitura di 32 F-35 Joint Strike Fighters.

Il valore finale del contratto al momento non è stato stabilito. Ha dichiarato Frank Kendall, sottosegretario alla Difesa per l’acquisizione, la tecnologia e la logistica. Il Pentagono si aspetta anche un accordo preliminare per il sesto lottoF-35 in un prossimo futuro.

«Penso che abbiamo fatto molti progressi nel corso dei nostri negoziati nel giungere ad una comprensione reciproca sui reali costi e sulle performance attese dal programma», ha detto Kendall. «Penso che abbiamo fatto enormi progressi». Per questa acquisizione, prima volta nella storia della difesa, per acquisizioni DoD, che si utilizza uno strumento per l’analisi dei costi e di usura negli anni. L’analisi, in altre parole, si è basata sullo studio di diversi anni di utilizzo di F-35così come i dati dalla acquisizione del caccia F-22A, un caccia stealth simile costruito da Lockheed e fatto volare dalla Air Force, l’obiettivo da un lato è quello di pagare gli F35 al giusto prezzo, dall’altro quello di migliorarne le caratteristiche tecniche. L’idea è quella di sedersi a un tavolo e di mettere nero su bianco nuovi parametri di efficienza e costi equiparati. Il Pentagono ha messo in atto, anche incentivi per Lockheed se soddisfa o supera determinati parametri.

L’F-35 è il programma arma più costoso del Pentagono, tra appalti, ricerca e sviluppo la spesa è pari a  400 miliardi di dollari. L’Air Force, Navy e Marine Corps hanno in progetto di volare con diverse versioni del jet. Un certo numero di alleati degli Stati Uniti hanno acquistato, o intendono acquistare, il jet.