EUROZONA. L’inflazione arriva al 10%

97

L’inflazione dell’Eurozona ha superato le previsioni raggiungendo il 10% a settembre, un nuovo record che rafforzerà le aspettative di un altro aumento dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale Europea.

La crescita dei prezzi nei 19 Paesi che condividono l’euro ha subito un’accelerazione rispetto al 9,1% di agosto, come hanno mostrato venerdì i dati di Eurostat, battendo le attese per una lettura del 9,7%, con alcuni membri della zona euro che hanno registrato la più rapida crescita dei prezzi dai tempi della guerra di Corea, 70 anni fa. L’inflazione è stata ancora guidata principalmente dai prezzi volatili dell’energia e dei prodotti alimentari, ma ha continuato ad allargarsi, con praticamente tutte le categorie, dai servizi ai beni industriali, che ora mostrano letture dolorosamente alte, riporta Reuters.

È probabile che questa lettura sia scomoda per la Bce, che ha come obiettivo una crescita dei prezzi del 2%, poiché suggerisce che l’inflazione è sempre più alimentata da un eccesso di domanda e rischia di radicarsi.

Anche l’inflazione sottostante, che filtra la volatilità dei prezzi dei generi alimentari e dei carburanti ed è tenuta sotto stretta osservazione dalla Bce, è balzata a un nuovo massimo, aumentando l’urgenza di ulteriori rialzi dei tassi dopo le mosse sovradimensionate di luglio e settembre. Escludendo i prezzi di cibo e carburante, l’inflazione è balzata al 6,1% dal 5,5%, mentre una misura ancora più ristretta, che esclude anche alcol e tabacco, è salita al 4,8% dal 4,3%.

I prezzi dell’energia sono aumentati del 41% rispetto a un anno fa. Gli alimenti non lavorati sono aumentati del 13%.

Sebbene la prossima riunione della BCE sui tassi di interesse sia ancora lontana quasi un mese, una serie di responsabili politici si è già espressa a favore di un altro rialzo dei tassi di 75 punti base il 27 ottobre, dopo aver effettuato una manovra combinata di 125 punti base in due riunioni, il ritmo di inasprimento della politica della Bce più rapido mai registrato.

I mercati vedono ora il tasso di deposito dello 0,75% salire a circa il 2% entro la fine dell’anno, quindi a circa il 3% nella prossima primavera prima di stabilizzarsi.

Il problema principale è che il picco dell’inflazione, più volte previsto dalla Bce, potrebbe essere ancora lontano mesi, in quanto i contratti energetici delle famiglie sono stati riprezzati e i prezzi del gas sono saliti alle stelle.

Una siccità devastante durante l’estate manterrà i prezzi dei prodotti alimentari sotto pressione, mentre la caduta dell’euro ai minimi di due decenni rispetto al dollaro aumenterà l’inflazione importata, soprattutto perché la bolletta energetica del blocco è per lo più denominata in dollari.

Ma le pressioni sui prezzi potrebbero essere attenuate da una recessione incombente. Il costo dell’energia e la prevista carenza di gas stanno prosciugando i risparmi e potrebbero intaccare la crescita, poiché i consumatori avranno pochi soldi da parte.

Il Comitato europeo per il rischio sistemico, l’organo di vigilanza sui rischi finanziari dell’Ue, ha messo in guardia giovedì da una tempesta perfetta che potrebbe mettere in discussione la stabilità finanziaria, dato che le imprese e le famiglie che devono ancora riprendersi dalla pandemia devono ora affrontare un nuovo colpo. Anche gli indicatori di fiducia in tutto il blocco sono crollati nelle ultime settimane, suggerendo che la zona euro potrebbe essere già in recessione e che ci sarà poca tregua fino alla primavera. Questo potrebbe anche fornire un aiuto disperato alla Bce.

I lavoratori normalmente chiederebbero grandi aumenti di stipendio durante i periodi di alta inflazione, ma le aziende stanno affrontando anche un’impennata dei costi, lasciando loro poca liquidità per aumentare i salari. Questo fa sì che la crescita dei salari rimanga contenuta e fa sperare che la crescita dei prezzi si stabilizzi e inizi a ritirarsi l’anno prossimo.

Tuttavia, si prevede che il mercato del lavoro rimanga rigido e che il tasso di disoccupazione si sia mantenuto al minimo storico del 6,6% in agosto, secondo i dati Eurostat. Le imprese, alle prese con la scarsità di manodopera, dovrebbero trattenere i lavoratori in caso di una breve recessione, perché riassumerli potrebbe essere più costoso.

Lucia Giannini