ETIOPIA. Gli USA dicono che truppe eritree combattono in Tigray

178

Il dipartimento di Stato statunitense ritiene “credibili” i rapporti sulla presenza di forze militari eritree nella regione del Tigray in Etiopia.

Reuters ha riferito nei giorni scorsi che una fonte del governo statunitense e cinque diplomatici dell’area sono stati informati che i soldati eritrei stavano aiutando il primo ministro etiope Abiy Ahmed nella lotta del governo contro il Tigray People’s Liberation Front, Tplf. Tuttavia, sia l’Etiopia che l’Eritrea hanno negato la presenza delle forze eritree nella regione.

«Siamo a conoscenza di rapporti credibili sul coinvolgimento militare eritreo nel Tigray e consideriamo questo come un grave sviluppo. Chiediamo che tali truppe siano ritirate immediatamente», ha detto il portavoce del dipartimento di Stato. Il Dipartimento ha anche preso atto delle segnalazioni di violazioni dei diritti umani da parte del governo eritreo.

«Siamo anche a conoscenza delle segnalazioni di violazioni e abusi dei diritti umani nella regione. Tutte le parti devono rispettare i diritti umani e il diritto umanitario internazionale (…) Noi e altri partner internazionali continuiamo a sollecitare un’indagine indipendente sulle segnalazioni e la responsabilità per i responsabili» prosegue Reuters.

Gli Stati Uniti considerano l’Etiopia un alleato importante nella regione dell’Africa orientale e Washington ha accusato l’Eritrea di violazioni dei diritti umani in passato; Abiy ha vinto il premio Nobel per la pace del 2019 per il suo ruolo nel processo di pace con l’Eritrea, ma le truppe eritree che attraversano il confine potrebbero esacerbare il conflitto.

Abiy e il presidente eritreo Isaias Afwerki hanno deciso di porre fine a un conflitto di due decenni nel 2018 e si sono uniti contro il Tplf ; Abiy ha detto la scorsa settimana che alcune truppe si erano ritirate sul confine eritreo all’inizio del conflitto, ma ha negato l’ingresso delle forze eritree in Etiopia, mentre il ministro degli Esteri eritreo Osman Saleh ha definito propaganda simili notizie.

Lucia Giannini