ETIOPIA. Addis Abeba riapre la trattativa: non vuole internazionalizzare la GERD

110

Il ministero degli Affari Esteri dell’Etiopia ha suggerito che l’Egitto e il Sudan ritornino ai negoziati guidati dall’Unione Africana sul funzionamento annuale della diga del Nilo, Gerd, e di «rispettare il processo guidato dall’Ua».

In una lettera indirizzata al primo Ministro del Sudan Abdalla Hamdok, il primo Ministro etiope Abiy Ahmed ha dichiarato che la «via da seguire per i negoziati Gerd» è di chiedere al presidente dell’Unione africana, Felix Tshisekedi, di convocare la riunione dell’ufficio dell’assemblea, riporta Egyptian Streets.

Abiy Ahmed ha aggiunto che è errato etichettare il processo di negoziazione come un fallimento, poiché ci sono stati alcuni risultati, come la firma della Dichiarazione di Principi e l’istituzione del Gruppo Nazionale Indipendente di Ricerca Scientifica. «Se le parti negoziano in buona fede i risultati sono alla nostra portata», ha dichiarato il presidente etiope nella sua lettera. «L’Etiopia crede ancora che il modo migliore di procedere sia continuare il negoziato trilaterale sotto il processo guidato dall’Ua per raggiungere un risultato vantaggioso per tutti».

La settimana scorsa, l’Etiopia ha rilasciato una dichiarazione che rifiutava la “politicizzazione” della crisi della Gerd, aggiungendo che l’Egitto e il Sudan non hanno negoziato in buona fede, poiché hanno fatto ricorso alla “internazionalizzazione” della questione per esercitare pressione sull’Etiopia: «L’Etiopia non sarebbe mai d’accordo con questi termini ingiusti che cercano di mantenere l’idro-egemonia di Egitto e Sudan», ha detto il vice primo Ministro e ministro degli Esteri etiope Demeke Mekonnen.

All’inizio di aprile, il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha detto che l’ultimo giro di colloqui a Kinshasa riguardo alla Grande Diga Rinascimentale Etiope, Gerd, si era concluso senza progressi. Ha aggiunto che l’Egitto e il Sudan si sarebbero rivolti agli organismi internazionali come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per svolgere un ruolo più attivo nella risoluzione della controversia.

I colloqui sponsorizzati dall’Unione Africana consistevano in incontri di tre giorni tra Egitto, Etiopia e Sudan, e si sono chiusi quando l’Etiopia ha rifiutato di accettare le proposte di Egitto e Sudan di invitare altre parti e di istituire un comitato internazionale composto da Nazioni Unite, Unione Europea e Stati Uniti d’America.

In una lettera al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha esortato la comunità internazionale a convincere l’Etiopia a non intraprendere alcuna azione unilaterale sulla diga Gerd prima che un accordo legalmente vincolante sia stato concordato e raggiunto.

Tommaso Dal Passo