ETIOPIA. Abiy: la guerra per la diga sul Nilo non serve a nessuno

191

Il primo Ministro etiopico Abiy Ahmed ha avvertito che se si presenta la necessità di andare in guerra per la diga oggetto di contesa con l’Egitto, il suo paese potrebbe preparare milioni di persone, ma che solo la negoziazione può risolvere lo stallo attuale. Abiy Ahmed ha fatto le osservazioni durante una sessione di domande e risposte del Parlamento; si trattava della sua più importante apparizione pubblica da quando ha vinto il Premio Nobel per la pace l’11 ottobre.

«Alcuni dicono cose sull’uso della forza da parte dell’Egitto. Va sottolineato che nessuna forza potrebbe impedire all’Etiopia di costruire una diga (…) Se c’è bisogno di andare in guerra, potremmo arruolare milioni di persone. Se alcuni possono sparare un missile, altri possono usare le bombe. Ma questo non è nell’interesse di tutti noi», ha aggiunto, riporta al Jazeera e numerose fonti social media dell’area. Abiy ha sottolineato che il suo paese è determinato a portare a termine il progetto della diga, che è stato avviato dal suo predecessore, «perché è un progetto eccellente».

I colloqui per la costruzione della diga da 5 miliardi di dollari, la più grande dell’Africa, che è completa per circa il 70 per cento e dovrebbe fornire l’energia elettrica necessaria ai 100 milioni di persone in Etiopia, sono falliti all’inizio di questo mese. L’Egitto, con una popolazione simile, teme che la diga sul Nilo ridurrà la sua quota del fiume e lascerà il paese con meno acqua e cerca di proteggere la sua principale fonte di acqua dolce.

I media filogovernativi al Cairo hanno descritto la questione come una minaccia per la sicurezza nazionale che potrebbe giustificare un’azione militare. All’inizio di questo mese, l’Egitto ha accusato Addis Abeba dopo che i colloqui tra i due paesi si sono conclusi senza un accordo.

«I negoziati sulla diga Reneissance hanno raggiunto un punto morto», ha detto il ministero egiziano dell’Irrigazione in una dichiarazione del 6 ottobre. La dichiarazione ha sostenuto che la delegazione etiope «ha respinto tutte le proposte che tengono conto degli interessi idrici dell’Egitto» e ne ha presentato una che «mancava di garanzie» su come affrontare le siccità che potrebbero verificarsi in futuro. L’Egitto dipende dal Nilo per circa il 90% del suo fabbisogno di irrigazione e di acqua potabile e dice di avere “diritti storici” sul fiume garantiti dai trattati del 1929 e 1959.

L’Etiopia ha risposto respingendo la valutazione del Cairo sugli ultimi colloquI: «L’affermazione che i colloqui si sono conclusi con lo stallo è completamente falsa», ha detto il ministro etiope per l’Acqua e l’energia, Selishi Bekele: «Sono stati fatti dei progressi (…) ci sono alcune questioni in sospeso, ma crediamo che queste questioni in sospeso possano essere risolte prima di completare la costruzione della diga».

Maddalena Ingroia