Estonia: salari in ascesa

53

estoniaESTONIA – Tallinn 17/07/13 – Stando alle rilevazioni degli ultimi 12 mesi operate da Statistic Estonia, i salari lordi estoni sarebbero aumentati del 5,7%; raggiungendo un picco di crescita del 6%, qualora si prenda in considerazione il salario lordo orario.

Anche i salari reali, ossia ponderati sul cambiamento dell’indice dei prezzi al consumo, sono saliti del 1,7% nel 2012; a seguito di una contrazione riscontrata negli anni 2009 e 2010.

Lo scorso anno, al lordo, il costo medio mensile del lavoro di un dipendente era di 1203 euro, con un costo medio orario di 7,98 euro. Rispetto al 2011, il costo medio mensile del lavoro è quindi aumentato del 5,8% ed il costo medio orario del 5,7%. Crescite rilevanti si sono riscontrate tra i professionisti e il settore tecnico-scientifico, con ascese rispettivamente del 10,6% e del 10,7%. Mentre, aumenti meno sensibili hanno interessato il comparto dei trasporti e dello stoccaggio, con un 1,7% e un 2,3% rispettivamente.

Nel 2012, la media dei salari mensili netti nel settore pubblico estone è stata quindi di 896 euro, con un comparto privato che si è attestato sugli 883 euro. Rispetto al 2011 la crescita è stata pertanto del 5,1% nel settore pubblico e del 6% nel settore privato. Va tuttavia notato come nella rilevazione inerente il settore pubblico siano comprese anche le aziende a partecipazione statale o sub-statale.

L’indagine su retribuzioni e salari condotta da Statistic of Estonia segue linee guida internazionali ormai dal 1992; con un campione oltre 11 mila imprese, istituzioni e organizzazioni. Le rilevazioni sui salari lordi mensili vengono effettuate prescindendo dalla durata del contratto lavorativo, con evidenze sui pagamenti per le ore lavorate e sulle remunerazioni per le ore di non-impiego. Invece, con riguardo ai salari e alle retribuzioni medie orarie lorde, non sono state incluse le transazioni per le ore non lavorate, come ferie e benefits.