Baku: energia nuova via della seta

42

AZERBAIJAN- Baku. 09/02/14. Ali Hasanov, capo del Dipartimento Affari Socio- Politici presso dell’Azerbaigian, ha detto a Istanbul, in occasione del 17esimo vertice economo euroasiatico organizzato dalla Fondazione Marmara che il presidente, Ilham Aliyev, ha posto l’accento sullo sviluppo delle energie. E ha sottolineato il ruolo dei progetti di gasdotti nella rivitalizzazione di Via della Seta e la creazione del benessere nella regione eurasiatica.

La proposta che è piaciuta molto alla Fondazione Marmara. «Il vertice affronterà la questione di come rimodellare Eurasia in mezzo alla perdurante crisi della globalizzazione», ha detto Akkan Suver, presidente della Fondazione. secondo il numero uno della Fondazione, il progetto (TAP) Trans- Anatolian Pipeline Gas (TANAP) e Trans Adriatic Pipeline sono soprattutto in mezzo per ampliare il livello di cooperazione dei paesi interessati al passaggio dei gasdotti. Con questi due gasdotti, aurei paesi, la nuova via della seta energetica possono sperare di avere un nuovo ruolo nello scacchiere internazionale fino ad ora negato. Al punto di poter pensare anche a un nuovo ordine, a nuovi equilibri. «Noi attribuiamo grande importanza a Shahdeniz quando verrà ampliato sarà un hub energetico di Turchia e Caucaso .
A latere del vertice economico vi è anche un incontro tra religiosi di diverse religioni dell’area: il presidente del musulmani del Caucaso, Sheikh-ul-Islam Haji Allahshukur Pashazadeh; Bartolomeo I, Patriarca della Fener Rum Patriarcato ortodosso, il capo della comunità ebraica azera Mountain, Milikh Yevdayev; il Presidente della Comunità Religiosa Baku degli europei ebrei e capo della Chiesa cattolica di Baku, Vladimir Fekete e il vescovo Alessandro di Baku e dell’Azerbaijan.