ENERGIA. TAP è operativo: gas azero in Italia

140

Dopo l’avvio delle operazioni commerciali il 15 novembre 2020, il Trans Adriatic Pipeline Ag, Tap, ha confermato il 31 dicembre l’inizio dei flussi di gas dall’Azerbaigian. Il primo gas ha raggiunto la Grecia e la Bulgaria, attraverso il punto di interconnessione di Nea Mesimvria con il Desfa, e l’Italia, attraverso il punto di interconnessione di Melendugno con Snam Rete Gas.

Sul sito della Tap, Luca Schieppati, Amministratore Delegato di TAP, ha commentato: «Oggi è una giornata storica per il nostro progetto, per i paesi che ci ospitano e per il panorama energetico europeo. Tap è una parte essenziale della rete del gas del continente, contribuendo alla tabella di marcia per la transizione energetica. Offriamo un percorso di trasporto affidabile, diretto ed economico verso i paesi dell’Europa sudorientale e oltre».

Tap è un Transmission System Operator, che fornisce capacità agli shipper interessati a trasportare gas naturale verso più mercati in Europa. Come nuova via di importazione del gas, il Corridoio meridionale del gas intende rafforzare la sicurezza energetica dell’Europa, l’integrazione del mercato e gli sforzi di decarbonizzazione dell’Ue. Tap trasporta il gas naturale dal gigantesco giacimento di Shah Deniz nel settore azerbaigiano del Mar Caspio verso l’Europa. Il gasdotto, lungo 878 km, si collega al Trans Anatolian Pipeline, Tanap, al confine turco-greco a Kipoi, attraversa la Grecia e l’Albania e il Mar Adriatico, prima di approdare nell’Italia meridionale.

Tap intende facilitare le forniture di gas ai paesi dell’Europa sudorientale attraverso potenziali interconnettori. In particolare, la Bulgaria sarà in grado di coprire fino al 33% della sua domanda totale di gas attraverso Tap dopo il completamento dell’Interconnettore Grecia-Bulgaria, Igb. Le uscite di TAP in Grecia e Albania, insieme all’approdo in Italia, offrono molteplici opportunità per l’ulteriore trasporto di gas dall’Azerbaigian ai più ampi mercati europei.

La partecipazione di TAP è composta da Bp (20%), Socar (20%), Snam (20%), Fluxys (19%), Enagás (16%) e Axpo (5%).

Luigi Medici