ENERGIA. Nel 2020 il COVID non ha fermato la corsa alle rinnovabili

52

Nonostante i rallentamenti dovuti alla pandemia, più di 260 Gigawatt di capacità di energia rinnovabile sono stati aggiunti a livello globale nel 2020, battendo il precedente record di quasi il 50%, secondo uno studio pubblicato la scorsa settimana dall’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili.

Più dell’80% di tutta la nuova capacità elettrica aggiunta l’anno scorso era rinnovabile, con il solare e l’eolico che rappresentano il 91% delle nuove rinnovabili, ha detto lo studio annuale dell’Irena.

Tuttavia, riporta Atf, parte di questo successo può anche essere attribuito alla dismissione della produzione di energia da combustibili fossili in un certo numero di regioni, tra cui Europa, Nord America e per la prima volta in Eurasia (Armenia, Azerbaijan, Georgia, Russia e Turchia). Secondo lo studio, le aggiunte totali di combustibili fossili sono scese a 60 Gw lo scorso anno da 64 Gw dell’anno precedente. Questo evidenzia una continua tendenza al ribasso per l’espansione dei combustibili fossili.

I due principali emettitori di gas serra del mondo, Cina e Stati Uniti, hanno guidato la spinta delle rinnovabili, con la Cina che ha aggiunto 136 Gw lo scorso anno (72 Gw di eolico e 49 Gw di solare). Gli Stati Uniti, da parte loro, hanno installato 29 Gw di rinnovabili l’anno scorso, quasi l’80% in più rispetto al 2019, compresi 15 Gw di solare e circa 14 Gw di eolico, ha detto lo studio.

Anche se i numeri indicano un marcato progresso, c’è ancora un altro problema che lascia perplessi all’altra estremità dello spettro che non è stato articolato nello studio, vale a dire il continuo e persistente accumulo dei settori del carbone sia in Cina che in India, così come in gran parte del resto della regione Asia-Pacifico.

Mentre l’elettricità globale a carbone è scesa al 4% nel 2020 rispetto all’anno precedente, la produzione di energia a carbone della Cina è aumentata del 2%. Ancora più preoccupante è il fatto che la Cina ora rappresenta quasi il 54% della produzione globale a carbone del mondo.

L’aumento nell’uso del carbone è arrivato quando Pechino ha cercato di sostenere la crescita economica, dopo che è crollata al livello peggiore in forse mezzo secolo, e soddisfare il bisogno di elettricità dei clienti. La domanda totale di elettricità della Cina è salita più di 1.880 Twh negli ultimi cinque anni.

A complicare le cose l’anno scorso è stata la mossa della China’s National Energy Administration – Nea di approvare un numero pluriennale di nuove centrali elettriche a carbone sparse per il paese, che probabilmente era un’offerta per aiutare i governi provinciali a superare il drammatico impatto economico della pandemia.

Da allora, Pechino ha richiamato la Nea sulla sua dilagante approvazione di centrali a carbone: la Cina non sta trascurando le rinnovabili, però, dato che il suo portafoglio eolico e solare fornisce il 10% del suo mix di produzione di energia.

Anche l’industria del carbone indiana è motivo di preoccupazione. Nuova Delhi da un lato, ha segnalato di voler tagliare drasticamente le emissioni nel corso dei prossimi decenni, mentre ha lasciato intendere che potrebbe fissare un obiettivo entro il 2050 nel prossimo mese. Se così fosse, sarebbe 10 anni prima dell’impegno cinese di neutralità al carbonio.

Il dilemma per l’India non è dissimile da quello della Cina: l’eccessiva dipendenza dal carbone, necessario soprattutto per la produzione di energia termica.

Maddalena Ingrao