ENERGIA. In Medio Oriente vanno solo i generatori diesel. L’aria è irrespirabile

93

I generatori privati sono onnipresenti in alcune zone del Medio Oriente e sprigionano fumi pericolosi nelle case e nelle aziende 24 ore al giorno. Mentre il mondo è alla ricerca di energia rinnovabile per affrontare il cambiamento climatico, milioni di persone in tutta la regione dipendono quasi completamente da generatori privati alimentati a diesel per tenere le luci accese perché la guerra o la cattiva gestione hanno distrutto le infrastrutture elettriche. Gli esperti lo definiscono un suicidio nazionale dal punto di vista ambientale e sanitario.

Una maggiore esposizione a questi inquinanti aumenta probabilmente le malattie respiratorie e cardiovascolari. Inoltre, provoca piogge acide che danneggiano la crescita delle piante e aumentano l’eutrofizzazione, ovvero l’accumulo eccessivo di nutrienti nell’acqua che finisce per uccidere le piante acquatiche. Poiché di solito utilizzano il diesel, i generatori producono anche molte più emissioni che provocano il cambiamento climatico rispetto, ad esempio, a una centrale elettrica a gas naturale. Gli inquinanti causati dai generatori di massa si aggiungono ai numerosi problemi ambientali del Medio Oriente, che è una delle regioni più vulnerabili al mondo all’impatto dei cambiamenti climatici. La regione ha già temperature elevate e risorse idriche limitate anche senza il crescente impatto del riscaldamento globale, riporta AP.

La dipendenza dai generatori è il risultato del fallimento dello Stato. In Libano, Iraq, Yemen e altrove, i governi non riescono a mantenere una rete elettrica centrale funzionante, a causa di guerre, conflitti o cattiva gestione e corruzione.

Il Libano, ad esempio, non costruisce una nuova centrale elettrica da decenni. I numerosi piani per la costruzione di nuove centrali si sono arenati a causa della faziosità dei politici e degli interessi clientelari in conflitto. I pochi impianti petroliferi del Paese, ormai obsoleti e alimentati con combustibili pesanti, da tempo non sono più in grado di soddisfare la domanda.

L’Iraq, nel frattempo, possiede alcune delle più grandi riserve di petrolio del mondo. Eppure il caldo torrido dell’estate è sempre accompagnato dal rombo dei generatori di quartiere, mentre i residenti fanno funzionare i condizionatori 24 ore su 24 per mantenersi freschi.

Le guerre ripetute durate decenni hanno distrutto le reti elettriche irachene. La corruzione ha sottratto miliardi di dollari destinati alla riparazione e all’ammodernamento. Circa 17 miliardi di metri cubi di gas proveniente dai pozzi iracheni vengono bruciati ogni anno come rifiuti, perché il Paese non ha costruito le infrastrutture per catturarlo e convertirlo in elettricità per alimentare le case irachene.

In Libia, un Paese apprezzato per il suo greggio dolce e leggero, le reti elettriche si sono indebolite a causa di anni di guerra civile e della mancanza di un governo centrale.

I 2,3 milioni di abitanti della Striscia di Gaza contano su circa 700 generatori di quartiere per le loro case. Migliaia di generatori privati mantengono in funzione aziende, istituzioni governative, università e centri sanitari. Alimentati a diesel, producono fumo nero nell’aria e anneriscono le mura.

Da quando Israele ha bombardato l’unica centrale elettrica del territorio governato da Hamas nel 2014, la stazione non ha mai raggiunto la piena capacità. Gaza riceve solo circa la metà dell’energia di cui ha bisogno dalla centrale e direttamente da Israele. Le interruzioni possono durare fino a 16 ore al giorno.

In Libano, il sistema è così radicato e istituzionalizzato che i proprietari di generatori privati hanno la loro associazione d’affari.

I 5 milioni di abitanti del Libano dipendono da loro da molto tempo. La parola “moteur”, che in francese significa generatore, è una delle parole più pronunciate dai libanesi.

La dipendenza è aumentata da quando, alla fine del 2019, l’economia libanese si è sgretolata e le interruzioni di corrente a livello centrale hanno iniziato a durare più a lungo. Allo stesso tempo, i proprietari dei generatori hanno dovuto razionarne l’uso a causa dell’impennata dei prezzi del diesel e delle alte temperature, spegnendoli più volte al giorno per le pause.

Così i residenti pianificano la loro vita in base alle mancanze di elettricità.

Chi non può iniziare la giornata senza caffè, imposta una sveglia per prepararne una tazza prima che il generatore si spenga. Le persone fragili o anziane nelle torri di appartamenti aspettano che il generatore si accenda prima di uscire di casa per non dover salire le scale. Gli ospedali devono mantenere i generatori in funzione per consentire il funzionamento dei macchinari salvavita senza interruzioni.

Alcuni in Libano e altrove hanno iniziato a installare sistemi di energia solare nelle loro case. Ma la maggior parte di essi li usa solo per riempire i momenti in cui il generatore è spento. Anche i problemi di costo e di spazio nelle aree urbane hanno limitato l’uso dell’energia solare.

In Iraq, la tipica famiglia a medio reddito utilizza l’energia del generatore per 10 ore al giorno in media e paga 240 dollari per megawatt/ora, una delle tariffe più alte della regione, secondo un rapporto dell’Agenzia internazionale dell’energia.

A differenza delle centrali elettriche situate al di fuori delle aree urbane, i generatori si trovano nel cuore dei quartieri e riversano le tossine direttamente sui residenti. Il livello di emissioni tossiche potrebbe essere quadruplicato dall’inizio della crisi finanziaria del Libano, a causa del maggiore ricorso ai generatori.

Nella città irachena di Mosul, chilometri di cavi attraversano le strade collegando migliaia di generatori privati; ognuno di essi produce 600 chilogrammi di anidride carbonica e altri gas serra ogni 8 ore di lavoro.

Analogamente, uno studio del 2020 sull’impatto ambientale dell’uso di grandi generatori presso l’Università di Tecnologia di Baghdad ha rilevato concentrazioni molto elevate di inquinanti che superano i limiti fissati dall’Agenzia per la Protezione Ambientale degli Stati Uniti e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Questo soprattutto perché il gasolio iracheno ha un alto contenuto di zolfo – “uno dei peggiori al mondo”, si legge nello studio. Le emissioni includono “solfato, materiali nitrati, atomi di carbonio fuligginoso, cenere” e inquinanti considerati cancerogeni.

Antonio Albanese