ENERGIA. Il Myanmar si rivolge alla Russia per i reattori “portatili” Rosatom

141

I vertici militari del Myanmar stanno portando avanti un piano per l’adozione di piccoli reattori nucleari modulari di costruzione russa, mentre il Paese è alle prese con un precipizio energetico causato dalla diminuzione della produzione delle riserve di gas naturale.

Il ministero dell’Energia Elettrica birmano e Rosatom, l’azienda statale russa per l’energia nucleare, hanno delineato uno studio di fattibilità congiunto sugli Smr, in un memorandum d’intesa firmato a fine novembre, riporta Nikkei.

Un tipico reattore nucleare ha una potenza di circa 1.000 megawatt, mentre la potenza massima di un Smr è di diverse centinaia di MW. La Russia è considerata un pioniere in questa tecnologia, prima degli Stati Uniti e del Regno Unito.

La firma del memorandum è avvenuta a margine del forum internazionale Atomexpo di quest’anno per l’industria nucleare a Sochi, in Russia. Il ministro dell’Elettricità e il ministro della Scienza e della tecnologia del Myanmar, entrambi di nomina militare, hanno partecipato al forum.

Prima di partecipare ad Atomexpo, la delegazione del Myanmar ha visitato anche impianti nucleari e strutture di ricerca a Mosca e San Pietroburgo. A metà novembre, Myanmar e Rosatom hanno concordato la creazione di un centro di informazione sulla tecnologia nucleare a Yangon, la capitale commerciale del Myanmar.

Resta da vedere se un reattore nucleare verrà effettivamente costruito in Myanmar. Ma i militari sembrano decisi nel promuovere questa visione: «Ci aspettiamo che la costruzione di un reattore nucleare su piccola scala inizi entro pochi anni», ha dichiarato a settembre Zaw Min Tun, portavoce dell’esercito del Myanmar.

Il generale Min Aung Hlaing, comandante in capo del Myanmar, ha visitato la Russia per una settimana a luglio e a settembre, partecipando in entrambe le occasioni alla firma di memorandum con Rosatom.

L’accordo di luglio riguardava la formazione del personale e le campagne di sensibilizzazione del pubblico, mentre il memorandum di settembre conteneva una tabella di marcia verso la cooperazione sull’uso civile dell’energia nucleare.

Il Myanmar soffre di una diffusa carenza di energia e di blackout a causa dell’invecchiamento delle centrali idroelettriche e delle reti elettriche. Questo avviene in un momento in cui Min Aung Hlaing ha espresso il suo interesse a mettere in circolazione più veicoli e autobus elettrici e a sviluppare una rete ferroviaria elettrificata.

Metà dell’elettricità del Myanmar proviene da impianti termici alimentati da gas naturale di produzione nazionale. I volumi dei giacimenti di gas esistenti sono destinati a diminuire.

La francese TotalEnergies ha dichiarato a luglio di essere uscita completamente dal giacimento di gas di Yadana, al largo della costa meridionale del Myanmar, mentre il gruppo australiano Woodside Energy ha annunciato di volersi ritirare dai piani di sviluppo in Myanmar. Le compagnie della Corea del Sud e della Tailandia dovrebbero continuare le operazioni nei giacimenti di gas, ma l’attuale instabilità politica causata dal subentro dei militari al governo civile nel febbraio 2021 ha aumentato il rischio di nuovi investimenti.

Rosatom sta commercializzando gli Smr nei Paesi emergenti dell’Africa e dell’Asia. Nel Sud-Est asiatico, l’azienda ha anche firmato dei memorandum in Indonesia e nelle Filippine che aprirebbero la strada alla costruzione di reattori nucleari.

Il Vietnam ha abbandonato i piani per la costruzione di centrali nucleari nel 2016, ma il Paese ha firmato un nuovo memorandum con Rosatom nel 2019 con l’obiettivo di sviluppare un reattore di ricerca a bassa potenza.

Non è la prima volta che il Myanmar mostra interesse per l’energia nucleare. Nel 2002, Myanmar e Russia hanno raggiunto un accordo preliminare per la costruzione di un reattore di ricerca, secondo un rapporto del think tank Australian Strategic Policy Institute. Ma le due parti non sono riuscite a trovare un compromesso sul finanziamento del progetto e alla fine i piani sono stati accantonati.

Il Myanmar ha ripristinato le relazioni diplomatiche con la Corea del Nord nel 2007. Successivamente, il Myanmar ha dovuto affrontare le accuse di perseguire un programma di armi nucleari, sebbene i militari abbiano negato.

Dopo la transizione del Myanmar al governo civile nel 2011, il ripristino delle relazioni con i Paesi occidentali è diventato la priorità assoluta. A tal fine, nel 2016 il Paese ha ratificato il Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari, un trattato multilaterale che vieta la sperimentazione di armi nucleari. Il Myanmar si è schierato a favore degli sforzi di non proliferazione nucleare, chiudendo essenzialmente i conti con la tecnologia nucleare del Paese.

I legami tra il Myanmar e la Russia si sono tradizionalmente limitati agli accordi sulle armi e alla cooperazione militare. Ora, i militari del Myanmar sembrano desiderosi di espandere le relazioni al settore civile. La partnership si estenderebbe all’energia nucleare, allo sviluppo delle risorse, al commercio, alla finanza e al turismo, tra gli altri campi.

A metà novembre, il Myanmar e la Russia hanno concordato il lancio di voli diretti tra Yangon e la Siberia. Ad agosto, le autorità del Myanmar hanno istituito un comitato direttivo pubblico-privato per l’importazione di olio combustibile russo.

Sia il Myanmar che la Russia sono stati condannati a livello internazionale: il Myanmar per la violenta repressione dei civili e la Russia per l’invasione dell’Ucraina. Con l’aggravarsi del loro isolamento internazionale, i due Paesi si sono trovati a sostenersi a vicenda nella sfera diplomatica.

Sembra adesso che Myanmar e Russia stiano almeno aprendo maggiori opportunità di cooperazione economica.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/