ENERGIA. Energia elettrica: come ridurre i consumi e rispettare l’ambiente

68

L’energia elettrica è un bene prezioso, anche se purtroppo questo concetto a molti non è chiaro. Questo per via del fatto che sono numerose le famiglie che sprecano energia, facendo poca attenzione ai consumi in casa. Si tratta di abitudini scorrette che richiedono un intervento immediato, perché oramai l’ambiente non è più in grado di tollerare i nostri eccessi. Di conseguenza, in questa guida vedremo insieme come ridurre i consumi e rispettare il pianeta che ci ospita.

Scegliere una fornitura elettrica da energie sostenibili
Attualmente tutte le famiglie hanno la possibilità di usare fonti di energia rinnovabili, grazie ad alcuni operatori che forniscono un servizio di questo tipo. In pratica, è possibile ottenere una fornitura di energia proveniente, per esempio, dal fotovoltaico, ma senza per questo essere costretti a installare a casa un impianto di pannelli solari. È una possibilità che produce diversi vantaggi: oltre a quelli a livello ambientale, si risparmiano i soldi delle installazioni e si superano i problemi che – in certe aree – impediscono la posa e il corretto utilizzo dei pannelli in questione. In alternativa, chi lo desidera e ne ha la possibilità può comunque procedere con questi sistemi. Si fa riferimento, per esempio, anche alle centrali geotermiche domestiche, un altro metodo per generare energia rinnovabile.

Adottare alcuni trucchi per risparmiare in bolletta
Ci sono diversi trucchetti che consentono di risparmiare sugli sprechi in casa, come l’utilizzo delle lampadine LED al posto di quelle classiche, oppure evitando lo stand by dei dispositivi elettronici. Poi è possibile impedire il consumo eccessivo di elettricità installando degli impianti di illuminazione accessoriati con un sensore di presenza, così da ottenere una gestione totalmente automatica delle luci. Per risparmiare a monte, invece, è possibile scegliere un fornitore del mercato libero come VIVI energia, grazie al quale si avrà l’opportunità di scegliere tariffe più convenienti, in quanto i prezzi non vengono gestiti dall’ARERA, ma sono soggetti a un mercato concorrenziale. Per risparmiare energia è importante, inoltre, fare molta attenzione all’utilizzo degli elettrodomestici, soprattutto di quelli che consumano di più: la lavastoviglie, il frigorifero e la lavatrice.

Investire nella riqualificazione energetica
Oggi molte famiglie stanno iniziando a investire nella riqualificazione energetica. Questo procedimento consente di risparmiare sulle spese della ristrutturazione e di ridurre l’importo della bolletta, in quanto un investimento nella riqualificazione energetica è il primo passo per ridurre lo spreco di energia. Fra i possibili interventi volti all’aumento dell’efficienza energetica di un immobile possiamo citare la sostituzione della caldaia esistente con un modello di ultima generazione, come nel caso di quelle a condensazione. Un altro intervento possibile riguarda la coibentazione dell’edificio e la posa di un cappotto termico, insieme all’installazione degli infissi termoisolanti. Anche i termostati smart, con i quali è possibile regolare la temperatura di ogni termosifone in casa, sono uno strumento utile per evitare sprechi negli ambienti che viviamo di meno.

Redazione