EMIRATI ARABI UNITI. La Giustizia dello Spazio avrà sede a Dubai

88

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato che creeranno “Tribunali spaziali” con l’obiettivo di sviluppare un sistema giudiziario per risolvere le controversie commerciali legate allo spazio, dato che la sua sonda Hope dovrebbe raggiungere Marte entro poco tempo.

Un’iniziativa chiamata “Tribunali del futuro” sarà lanciata nel corso di quest’anno per attivare i tribunali spaziali, ha detto in un comunicato ripreso da Efe, il Dubai International Financial Centre, un organismo giuridico indipendente,.

«Il lancio del progetto segnala alla comunità spaziale internazionale l’intenzione degli Emirati Arabi Uniti di svolgere un ruolo di primo piano nell’avanzamento dei suoi sistemi giudiziari per indirizzare specificamente la capacità e la capacità di controversie commerciali legate allo spazio», si legge nella dichiarazione.

Il nuovo tribunale comprenderà un gruppo di enti ed esperti internazionali privati e pubblici con l’obiettivo di «esplorare le innovazioni giuridiche legate allo spazio» e creare una «guida alle controversie spaziali». Sarà anche incaricato della «formazione di giudici per diventare esperti in controversie spaziali».

Il tribunale aiuterà a «costruire una nuova rete di supporto giudiziario per servire le rigorose esigenze commerciali dell’esplorazione spaziale internazionale nel 21° secolo”, ha detto il capo della Corte Suprema del Difc, Zaki Azmi. «Mentre il commercio spaziale diventa sempre più globale e i paesi sempre più connessi, diversi e agili, le economie dovranno consentire la crescita. Accordi commerciali complessi richiederanno anche un sistema giudiziario altrettanto innovativo per tenere il passo, offrendo garanzia e certezza per sostenere e proteggere le imprese», ha poi aggiunto.

Il Difc è stato istituito nel 2004 come un sistema giudiziario indipendente basato sul diritto consuetudinario, in modo che la comunità internazionale degli Emirati possa avere «maggiore fiducia nel quadro giuridico emiratino» e per promuovere le relazioni commerciali nel paese arabo.

L’annuncio dei tribunali spaziali è stato fatto pochi giorni prima che la missione Hope raggiunga l’orbita di Marte, la prima missione araba di questo tipo, che mira a studiare il tempo e l’atmosfera del Pianeta Rosso.

Maddalena Ingroia