EMIRATI ARABI UNITI. Abu Dhabi vuole sanzionare Algeri per il legame con Ankara

199

Gli Emirati Arabi Uniti avrebbero minacciato l’Algeria di sanzioni per la sua cooperazione con la Turchia. Le autorità emiratine hanno messo in guardia i loro omologhi algerini e hanno fatto minacce velate da settembre, quando il presidente Abdelmadjid Tebboune ha criticato la normalizzazione dei legami degli Emirati Arabi Uniti con Israele, secondo Maghreb Intelligence.

L’amministrazione di Abu Dhabi ha trasmesso il suo sgomento attraverso canali diplomatici informali, ha detto il rapporto, aggiungendo che la critica di Tebboune è stata vista come una dichiarazione aperta di ostilità. Uno di questi messaggi diplomatici informali è stato inviato all’Algeria attraverso il gen. Abdelghani Rachedi, che in precedenza aveva prestato servizio come addetto militare algerino ad Abu Dhabi e che dalla fine di aprile è a capo della Direzione generale della sicurezza nazionale algerina, la principale forza di polizia, riporta il Daily Sabah.

In una lettera, l’amministrazione di Abu Dhabi ha dichiarato che non esiterà ad adottare sanzioni economiche e politiche contro Algeri se il governo continuerà a cooperare con le “lobby anti-Emirati” della regione. Rachedi avrebbe trasmesso il messaggio al Presidente Tebboune, che si è astenuto dal rispondere.

Gli Emirati Arabi Uniti e l’Algeria avevano goduto di relazioni favorevoli durante il periodo di Ahmed Gaid Salah, ma i legami si sono deteriorati dopo l’elezione di Tebboune. A settembre, gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, Stato del Golfo, sono diventati i primi Stati arabi in un quarto di secolo a stabilire legami formali con Israele, attraverso i cosiddetti Accordi di Abramo, formando un nuovo asse in Medio Oriente contro l’Iran.

I gruppi palestinesi hanno denunciato l’accordo, dicendo che l’accordo ignorava i diritti dei palestinesi e non serviva la causa palestinese. Gli accordi hanno rotto con decenni di consenso arabo sul fatto che non ci sarebbe stata alcuna normalizzazione dei rapporti con Israele fino a quando non avesse fatto pace con i palestinesi.

In un discorso alla 75a Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 23 settembre, una settimana dopo l’accordo con gli Stati Uniti, il presidente Tebboune ha detto che il popolo palestinese ha il diritto di avere uno Stato con Gerusalemme capitale: «La causa palestinese rimane una causa sacra per l’Algeria e il suo popolo», ha detto Tebboune. Il presidente algerino si era anche schierato con la Turchia e con il governo dell’Accordo nazionale nel conflitto libico, dicendo che Tripoli è una «linea rossa che nessuno dovrebbe attraversare». Il Presidente Recep Tayyip Erdoğan e Tebboune hanno tenuto incontri bilaterali a margine della conferenza di Berlino sulla Libia di gennaio e hanno sostenuto una soluzione politica del conflitto.

La Turchia e l’Algeria hanno anche firmato una dichiarazione congiunta per istituire un consiglio di cooperazione ad alto livello tra i due Paesi per rafforzare i legami. Le relazioni tra la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti hanno toccato il minimo storico, ed Erdoğan aveva precedentemente annunciato che Ankara avrebbe potuto sospendere le sue relazioni diplomatiche con l’amministrazione di Abu Dhabi dopo l’accordo Eau-Israele.

Ankara afferma che gli Emirati Arabi Uniti sostengono le organizzazioni terroristiche che prendono di mira la Turchia e sono diventati un utile strumento politico e militare per altri Paesi: «Gli Emirati Arabi Uniti fanno parte di una coalizione guidata dall’Arabia Saudita nello Yemen (…) aggravando ulteriormente la crisi nel Paese. In Libia, Abu Dhabi sostiene Khalifa Haftar; in Siria, sostiene il regime di Bashar Assad (…) Funzionari turchi hanno anche accusato gli Emirati Arabi Uniti di offrire supporto finanziario e logistico al gruppo terroristico del Pkk per compiere attacchi contro la Turchia», riporta il giornale turco.

Ad agosto, l’intelligence turca, il Mit, ha rivelato che gli Emirati Arabi Uniti, in collaborazione con Israele, avrebbero cercato di destabilizzare la Turchia, l’Iran e il Qatar. Ha aggiunto che la spia ricercata degli Emirati Arabi Uniti, Mohammed Dahlan, che mantiene i contatti con alcuni media di recente istituzione in Turchia, serve la causa incanalando fondi verso queste organizzazioni.

Graziella Giangiulio