EMIRATI ARABI UNITI. Abolito il delitto d’onore e permesso il consumo di alcol

45

Gli Emirati Arabi Uniti hanno posto fine alle punizioni leggere per i cosiddetti delitti d’onore, hanno revocato il divieto di convivenza per le coppie non sposate e hanno depenalizzato l’alcool, con riforme delle leggi sui diritti della persona. Gli stranieri che vivono nello Stato del Golfo potranno anche seguire le leggi del loro Paese d’origine sul divorzio e su questioni di eredità, piuttosto che usare la legislazione degli Emirati Arabi Uniti basata sulla legge islamica, come riportato dai media locali, ripreso dal britannico Guardian.

Il paese, dove i cittadini sono in inferiorità numerica rispetto ai migranti, si è da tempo affermato a livello internazionale come una moderna destinazione commerciale e turistica e non sempre ha applicato rigorosamente la propria legge.

Le riforme legali mirano a «consolidare i principi di tolleranza degli Emirati Arabi Uniti», riporta l’agenzia di stampa statale Wam, mentre si adegua alle norme in vigore in patria e si prepara ad ospitare l’Expo mondiale del prossimo anno. L’evento, ritardato di un anno dal coronavirus, dovrebbe attirare 25 milioni di visitatori.

Inoltre, i giudici degli Emirati finora hanno potuto emettere sentenze più leggere quando una donna è stata aggredita o uccisa da un parente perché mosso da una “macchia” sulla reputazione della famiglia, o “onore” creata dalla vittima; si tratta di eventi come una fuga d’amore o la fraternizzazione con uomini non loro parenti.

Secondo Human Rights Watch, si tratta di «passi positivi per i diritti delle donne». Le nuove leggi includeranno anche punizioni più severe per gli uomini che sottopongono le donne a molestie di qualsiasi tipo, riporta il quotidiano emirato The National.

Di simili alleggerimenti non si parla per altri comportamenti penalmente sanzionati dalla legge emiratina, che in passato hanno messo in difficoltà gli stranieri, come le relazioni omosessuali, i travestimenti e le manifestazioni pubbliche di affetto.

Infine, sebbene l’alcool sia in vendita nei ristoranti e nei bar delle città emirati, gli individui avevano bisogno di una licenza per acquistare alcolici o per tenerli in casa. Le nuove leggi apparentemente permetterebbero ai musulmani, che non hanno potuto ottenere la licenza, di bere bevande alcoliche liberamente.

Antonio Albanese