Egitto, tra due giorni la calma

58

EGITTO – Il Cairo. 04/07/13. «Finirà tutto in due giorni» sostengono le nostre fonti in Egitto. L’esercito sta con il popolo e tutti voglio un Egitto democratico. Alla fine anche i Fratelli Musulmani capiranno ceh andarsene è per il bene del Paese.

«Morsi è agli arresti, come avevamo programmato, dicono dai vertici dei cristiani copti. Il magistrato della Corte suprema guiderà il popolo e il Paese fino alle prossime elezioni che si svolgeranno tra qualche mese. Dopo di che l’Egitto riprenderà il suo cammino per la crescita e lo sviluppo». «Alla fine,  continuano le nostre fonti in loco, tutto è andato come previsto». E alla nostra domande sui morti la guerra civile la risposta è stata chiara: «Il popolo egiziano è pronto a dei sacrifici in nome della libertà». Accolte con favore anche le dichiarazioni degli Stati Uniti d’America. Lo stesso esercito ha confermato anche oggi che non interverrà nella querelle. Il numero due dell’esercito, il generale Ahmed Wasfi ha detto che la missione dell’esercito è quella di garantire il popolo contro ogni pericolo e che si opporrà a qualsiasi tentativo di minacciare la gente.

Egli ha sottolineato che l’esercito non è parte di un conflitto politico che ruota in Egitto e che la sua missione di cedere il potere al popolo.